Scadenze fiscali luglio 2018 per PMI e professionisti

Anche a luglio le piccole e medie imprese e i liberi professionisti italiani sono attesi da una lunga lista di scadenze. Ecco le più importanti

Il 2018 è arrivato al giro di boa, ma per le scadenze fiscali non è ancora tempo di vacanze. Anzi. Dopo un giugno parecchio intenso, luglio 2018 sembra non voler essere da meno: i 31 giorni che inaugurano la seconda parte dell’anno vedranno PMI e professionisti (e contabili e commercialisti che collaborano con loro) alle prese con decine di scadenze fiscali, comunicazioni e relativi pagamenti da fare.

Nella gran parte dei casi, gli appuntamenti si concentreranno in tre date: 2 luglio, 16 luglio e 31 luglio. Non va sottovalutata, però, la data del 9 luglio, giorno in cui dovranno essere presentate le dichiarazioni IRPEF. Insomma, dopo la scorpacciata di giugno, si rischia di fare “indigestione” con le scadenze fiscali luglio 2018 per professionisti e piccole e medie imprese.

Scadenze fiscali 2 luglio 2018

Diversi appuntamenti fiscali in calendario per il 2 luglio. Si inizia con il versamento, in soluzione unica o come prima rata, dell’IRPEF e dell’IRAP risultante dalle dichiarazioni annuali. I versamenti, che valgono come saldo del 2017 e primo acconto del 2018, devono essere effettuati da imprenditori artigiani e commercianti, agenti e rappresentanti di commercio, liberi professionisti e lavoratori autonomi (anche società di persone, nel caso dell’IRAP). A questo si aggiunge il versamento del saldo IVA 2017 risultante dalla dichiarazione annuale e dovuto dai contribuenti IVA e il versamento della terza e ultima rata (pari al 20% del totale) per le controversie tributarie per le quali ci si è avvalsi della definizione agevolata (in questo caso, si tratta di una scadenza fiscale che riguarda un po’ tutti, incluse PMI e liberi professionisti). Entro il 2 luglio, inoltre, liberi professionisti, imprenditori artigiani e commercianti e società di persone dovranno effettuare il versamento Sostituti c.d. “minimi”: liberi professionisti, artigiani e commercianti dovranno versare le ritenute sulle provvigioni o sui redditi da lavoro autonomo relativi al 2017.

Scadenze fiscali 9 luglio 2018

Termine ultimo per la presentazione del modello 730. È possibile presentarlo al sostituto d’imposta, al Caf o al libero professionista: in tutti e tre i casi si riceverà una ricevuta dell’avvenuta presentazione

Scadenze fiscali 16 luglio 2018

I sostituti d’imposta, siano essi liberi professionisti, commercianti, artigiani o imprese, sono chiamati a versare entro il 16 luglio le ritenute operate nel mese precedente e relative a diverse voci (come l’addizionale comunale e regionale sull’Irpef, tanto per dirne una). Altra scadenza fiscale al 16 luglio 2018 è il versamento della seconda rata Irpef e Irap, oltre all’addizionale regionale e comunale Irpef, dovuta dai titolari di partita IVA.

Scadenze fiscali 31 luglio 2018

Tra le varie scadenze fiscali del 31 luglio 2018, la più importante per liberi professionisti, artigiani, commercianti e società di persone è, senza ombra di dubbio, il pagamento della seconda rata del debito residuo derivante dalla Definizione agevolata dei carichi 2010-2016 affidati agli agenti della riscossione (la cosiddetta rottamazione delle cartelle Equitalia).

Scadenze fiscali luglio 2018 per PMI e professionisti