Rinnovo Ccnl Concia, cosa cambia per le PMI

Trovato l’accordo tra aziende e sindacati: i lavoratori troveranno in busta paga un aumento di 85 euro, da dividere in tre tranche

Dopo mesi di trattative è arrivato il rinnovo del contratto per i dipendenti del settore della concia, che in Italia conta oltre 22.000 lavoratori impiegati in 1900 aziende, la maggior parte piccole e medie imprese. Un accordo importante che permette alle società e ai dipendenti di trovare un equilibrio per il prossimo quadriennio: il contratto firmato partirà dal 2016 e arriverà fino al 2019. Oltre a un aumento economico per i lavoratori, nel contratto è stata introdotta anche la previdenza complementare e sono state gettate le basi per introdurre nel prossimo rinnovo un fondo sanitario integrativo.

Cosa cambia per le PMI del settore concia

Il rinnovo Ccnl Concia cambierà alcune cose per le piccole e medie imprese del settore che dovranno adattarsi alle nuove regole del contratto nazionale. Sotto il profilo economico, l’aumento mensile per un lavoratore di secondo livello sarà di 85 euro, che però verrà diviso in tre tranche. I primi 35 euro verranno elargiti il 1 novembre 2017, mentre il secondo aumento di 30 euro arriverà il 1 maggio 2018 e l’ultima tranche da 20 euro sarà aggiunta in busta paga il 1 maggio 2019. In totale l’aumento per ogni lavoratore sarà di circa 1600 euro.

Le novità introdotte dal contratto Ccnl Concia

Per la prima volta entra nel contratto nazionale del settore concia la previdenza complementare che permetterà ai dipendenti di andare in pensione con un salario leggermente più alto rispetto alla media. I contributi saranno versati da settembre 2017 e si prevede il versamento del 1,50% da parte delle imprese all’atto dell’adesione del lavoratore e dello 0,20% per la premorienza. Inoltre, nel prossimo rinnovo contrattuale sarà istituito anche un fondo per l’assicurazione sanitaria.

Miglioramenti negli studi di settore

È stato trovato l’accordo anche per potenziare l’Osservatorio di settore che porterà a termine studi specifici sul tema della legalità, i codici di condotta e i piani formativi dei lavoratori. Inoltre, l’Osservatorio fornirà dei consigli anche per portare a termine gli accordi per la contrattazione di secondo livello.

Maggiori diritti

Tema importante per le PMI è quello sui diritti dei lavoratori e le tutele dei singoli: il rinnovo Ccnl della concia prevede infatti che la frazionabilità dei congedi per le malattie dei figli, è stato tolto il tetto massimo di assenza per percepire l’integrazione del cento per cento per i primi 5 mesi di maternità; è possbile frazionare il congedo di 30 giorni per le adozioni internazionali e il congedo per le donne vittime di violenza di genere ed è stato riconosciuto il congedo matrimoniale retribuito per le coppie di genere che contraggono matrimonio.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Rinnovo Ccnl Concia, cosa cambia per le PMI