Rimborsi IVA più semplici per importi inferiori a 30.000 euro

Cambia la direttiva per i rimborsi dell’IVA richiesti da liberi professionisti e PMI: sotto i 30mila euro basterà presentare l’istanza di rimborso

Il Direttore dell’Agenzia delle Entrate ha firmato un provvedimento che semplificherà la vita al “popolo delle partite IVA”. Infatti, non sarà più necessario compiere speciali adempimenti per chiedere il rimborso dell’IVA fino a 30mila euro. L’Agenzia delle Entrate ha aggiornato le istruzioni per compilare il modulo Iva Tr: la trasmissione dei dati telematica sarà più semplice e allo stesso modo non sarà necessario presentare delle garanzie per rimborsi inferiori a 30mila euro. La scelta dell’ente deputato ai controlli fiscali nasce dal bisogno di concentrare gli sforzi sulle somme più alte, dove solitamente le aziende sono più propense a evadere.

Come richiedere il rimborso dell’Iva fino a 30 mila euro

Come detto, i liberi professionisti e le piccole e medie imprese che richiederanno il rimborso annuale dell’IVA per un importo inferiore ai 30mila euro non dovranno compiere nessun adempimento speciale: basterà presentare una dichiarazione. Mentre per un periodo di tempo inferiore all’anno sarà necessario compilare solamente un’istanza di rimborso.

Come richiedere il rimborso dell’Iva oltre i 30 mila euro

Anche per i rimborsi superiori ai 30mila euro, l’Agenzia delle Entrate ha cercato di semplificare la vita dei liberi professionisti e delle aziende. Non sarà più necessario presentare l’obbligo di garanzia: basterà avere il visto di conformità o la sottoscrizione alternativa redatta dall’organo di controllo insieme alla sostitutiva dell’atto di notorietà che attesti la solidità patrimoniale dell’azienda e la continuità dei versamenti contributivi.

I casi in cui è necessario presentare l’obbligo di garanzia

Non tutte le aziende possono beneficiare dell’esclusione dal presentare l’obbligo di garanzia. Infatti, le imprese nate da meno di due anni (escluse le startup innovative) dovranno continuare a presentarlo per ricevere il rimborso dell’Iva superiore a 30mila euro. Insieme alle aziende “giovani” devono presentare l’obbligo di garanzia anche le società considerate più a “rischio” e che negli ultimi anni hanno ricevuto degli accertamenti fiscali da parte dell’Agenzia delle Entrate.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Rimborsi IVA più semplici per importi inferiori a 30.000 euro