Regione Piemonte, finanziamenti per PMI e lavoratori autonomi

La Giunta Regionale ha riaperto le iscrizioni per partecipare a due bandi dedicati alla creazione di nuove piccole e medie imprese

La Regione Piemonte riapre due bandi presentati nei mesi scorsi per il sostegno al lavoro autonomo e alla creazione di nuove piccole e medie imprese. La Giunta Regionale ha deciso di ripresentare i due bandi, dopo aver rinnovato le modalità di partecipazione. Le agevolazioni sono rivolte a tutti coloro che non hanno un’occupazione fissa e vogliono aprire una nuova attività all’interno dei territori della Regione Piemonte. Per entrambi i finanziamenti, la data di scadenza per la presentazione delle domande è stata posticipata al 30 settembre 2017.   

Fondo sostegno alla creazione di impresa

Il Fondo della Regione Piemonte a sostegno della creazione d’impresa è rivolto a tutti i giovani imprenditori inoccupati che vogliono aprire una propria attività ma non hanno i soldi necessari. Tramite l’agevolazione della Regione è possibile ristrutturare il locale o realizzare il logo dell’azienda. Ma sono ammissibili anche altri tipi di spese, sempre legate alla creazione dell’impresa. Il finanziamento prevede la copertura del 100% delle spese presentate dell’azienda, fino a un massimo di 120.000 euro (il minimo è di 10.000 ero). Il 50% della somma viene finanziato dalla Regione Piemonte a tasso zero, il restante 50% arriverà attraverso il canale bancario a tassi agevolati. Le domande presentate da imprenditrici donne avranno la priorità sulle altre richieste. Inoltre, le domande prioritarie avranno la possibilità di innalzare fino al 60% la somma finanziata a tasso zero.

Fondo per il sostegno al lavoro autonomo

Per i lavoratori autonomi che sono alla ricerca di fondi per la creazione del sito Internet della propria attività, la Regione Piemonte offre un finanziamento che copre il 100% della spesa, fino a un tetto massimo di 60.000 euro (spesa minima di 5.000 euro). Il 50% della spesa sarà coperta da fondi regionali a tasso zero, mentre il restante 50% sarà finanziato dalle banche con tasso d’interesse agevolato. Anche in questo caso le donne imprenditrici avranno una corsia preferenziale e la possibilità di innalzare fino al 60% la copertura regionale. Le domande potranno essere presentate tramite PEC.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Regione Piemonte, finanziamenti per PMI e lavoratori autonomi