PMI siciliane, 34 milioni di euro per l’internazionalizzazione

La Regione Sicilia vara un bando per l’internazionalizzazione delle PMI. Il tetto massimo per ogni azienda è di 100mila euro. Il finanziamento si potrà utilizzare per partecipare alle fiere e per le spese di consulenza

La nuova Giunta regionale della Sicilia muove i primi passi e approva un bando per l’internazionalizzazione delle PMI del territorio. Il finanziamento mette a disposizione delle piccole aziende siciliane oltre 34 milioni di euro che potranno essere utilizzati per la promozione del brand, il pagamento di consulenze, la partecipazione a fiere e la realizzazione dei siti internet in lingua straniera. Con un mercato interno ancora in difficoltà, per le piccole e medie imprese è molto importante conquistare nuovi territori con i propri prodotti. Sfruttare le fiere internazionali per stringere contatti dovrebbe essere l’obiettivo di ogni azienda. Ma molto spesso non ci sono fondi a sufficienza per pagare gli spostamenti e la partecipazione alle fiere di settore. Questo nuovo bando della Regione Sicilia va proprio in questa direzione: dare la possibilità alle PMI di investire nella crescita puntando sull’internazionalizzazione. La Giunta regionale ha messo a disposizione poco più di 34 milioni di euro che arrivano dal PO FESR 2014-2020, i fondi che l’Unione Europea mette a disposizione per lo sviluppo delle regioni.

Come le PMI siciliane potranno utilizzare i 34 milioni di euro

Il bando è dedicato a tutte le PMI che vogliono investire nell’internazionalizzazione. Il finanziamento andrà a coprire l’80% delle spese sostenute fino a un massimo di 100.000 euro per le aziende singole e di 200.000 euro per le imprese associate. Sono ammissibili le spese per l’internazionalizzazione dei prodotti, la partecipazione alle fiere, i costi sostenuti per far arrivare i prodotti presso la grande distribuzione. Con i soldi ricevuti dal finanziamento sarà possibile pagare anche la realizzazione dei siti internet in lingua straniera, le spese per la consulenza e la certificazione dei prodotti. Per completare i progetti presentati, le PMI siciliane avranno un tempo massimo di 18 mesi.

Come partecipare al bando

Per poter presentare la domanda di partecipazione sarà possibile utilizzare solamente la modalità telematica sfruttando il portale della Regione Sicilia. Ancora non è stata fissata una data per l’apertura del bando: presumibilmente ci vorrà la prima settimana di febbraio.

PMI siciliane, 34 milioni di euro per l’internazionalizzazione