PMI Regione Basilicata: 8,5 milioni di euro per efficientamento energetico

La Giunta Regionale ha aumentato la dotazione finanziaria del bando per l’efficientamento energetico dedicato alla micro, piccole e medie imprese. Ecco come funziona

Efficienza energetica delle imprese” è il bando voluto dalla Giunta Regionale della Basilicata per favorire gli investimenti delle imprese nell’acquisto e installazione di pannelli solari e di qualsiasi altra forma di energia alternativa. Ma non solo. Grazie all’agevolazione è possibile investire in interventi diretti a ridurre i consumi energetici e finalizzati all’aumento dell’efficienza energetica dello stabile dove è presente la propria azienda. Per la Regione Basilicata si tratta del secondo bando dedicato all’efficientamento energetico: il primo era stato approvato ad agosto dello scorso anno e le risorse a disposizione non sono state utilizzate dalle aziende. I quasi 11 milioni di euro rimasti a disposizione della Regione, sono stati utilizzati per promuovere un nuovo bando per ridurre i consumi delle aziende. Le mPMI hanno a disposizione una dotazione finanziaria di 8,5 milioni di euro.

Come funziona il bando

La copertura e il tetto massimo di spesa delle aziende varia a seconda della tipologia di impresa. Le medie imprese possono presentare dei progetti con un tetto massimo di spesa di 400.000 euro e l’agevolazione va a coprire il 40%; per le piccole imprese la copertura sale al 50%, ma il tetto massimo è di 300.000 euro; le micro imprese potranno spendere fino a 200.000 euro con una copertura del 50% di spesa.

Investimenti e spese ammissibili

Il bando della Regione Basilicata prevede tre tipologie di investimenti:

  • Tipologia 0 – diagnosi energetica e spese tecniche per le sole PMI;
  • Tipologia A – Interventi di efficienza energetica;
  • Tipologia B – Interventi di installazione di impianti da fonti rinnovabili

Gli interventi di Tipologia 0 devono essere presentato insieme ad almeno un intervento della Tipologia A o Tipologia B.

Tra le spese ammissibili ci sono quelle per le consulenze, fino a un massimo dell’8% dell’importo totale del progetto. Non possono comunque superare i 60.000 euro. Possono essere inseriti nella domanda anche le spese connesse all’investimento materiale (opere murarie per l’inserimento di impianti e macchinari, posa degli impianti, installazione di nuove linee di produzione ad alta efficienza energetica).

Le domande possono essere inviate in via telematica tramite il portale creato dalla Regione. La scadenza è fisata per le ore 20:00 del 3 aprile 2018.

PMI Regione Basilicata: 8,5 milioni di euro per efficientamento energetico
PMI Regione Basilicata: 8,5 milioni di euro per efficientamento e...