PMI: possibile moratoria per i crediti

Anticipazioni dal ministro dell'Economia su una possibile moratoria dei crediti PMI.

Il Governo sta valutando se e come prolungare ulteriormente la moratoria sui prestiti delle PMI, che attualmente scade il 31 gennaio.

La politica economica dell’esecutivo è prevalentemente orientata sul sostegno a lavoratori ed alle imprese in difficoltà a causa della crisi sanitaria, ma anche sull’impegno a “gettare le basi per una forte ripresa economica, evitando invece di appesantire la finanza pubblica con ulteriori impegni di natura permanente” – come ha detto dell’Economia Gualtieri.

Impegno che riguarda sia la Legge di Bilancio vera e propria, sia il Recovery Plan italiano, le cui linee guida vanno presentate ufficialmente alla commissione Ue oggi 15 ottobre.

Obiettivo: un piano di riforme che “si inseriscono nell’ambito di un disegno di rilancio e di transizione verso un’economia più innovativa, più sostenibile dal punto di vista ambientale e più inclusiva sotto il profilo sociale. Si tratta di un investimento sul futuro delle giovani generazioni, che porterà nuove opportunità di lavoro e, più in generale, condizioni tali da rendere il Paese più moderno, equo e sostenibile, senza che ciò porti ad indebitamento aggiuntivo”.

Fra gli interventi previsti: “rafforzare la ricerca, la formazione, la digitalizzazione e la riconversione dell’economia in chiave di sostenibilità ambientale. Particolare attenzione sarà dedicata alla coesione territoriale, che sarà rinsaldata attraverso la fiscalità di vantaggio, gli investimenti infrastrutturali e, più in generale, il rafforzamento di fattori abilitanti per la crescita. Un asset decisivo sarà quello dell’equità di genere”.

Cosa riguarda la moratoria
La sospensione riguarda le aperture di credito a revoca e i prestiti accordati a fronte di anticipi su crediti in essere alla data del 29 febbraio 2020, o se superiori al 17 marzo scorso (data di pubblicazione del Cura Italia), i prestiti non rateali con scadenza contrattuale prima del 31 gennaio, i mutui e gli altri finanziamenti a rimborso rateale.
Si tratta, in pratica, delle misure previste dall’articolo 56 del dl 18/2020. La nuova proroga è prevista dall’articolo 65 del dl 104/2020 (il decreto Agosto). Ora è possibile un ulteriore prolungamento.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

PMI: possibile moratoria per i crediti