PMI, perché è importante partecipare alle fiere di settore

Il sistema fieristico italiano è il quarto più importante al mondo: la vetrina ideale per le PMI per mettere in mostra i prodotti del Made in Italy

Nel 2016 il fatturato generato dall’export è stato di 417 miliardi di euro. Per molte PMI le esportazioni sono l’unico modo per sopravvivere in un momento storico in cui la domanda interna ancora non riesce a tornare a livelli pre-crisi. E per riuscire a concludere nuovi contratti e ad aumentare le esportazioni, le manifestazioni fieristiche sono il palcoscenico dove mettere in mostra i propri prodotti. Ogni anno in Italia si svolgono circa 1000 fiere, tra quelle regionali, nazionali e internazionali. Ed è proprio dalle fiere che le piccole e medie imprese riescono a produrre oltre il 50% delle esportazioni totali: durante gli eventi si stringono accordi con nuovi clienti e si aumenta il fatturato. Purtroppo non ancora tutte le piccole e medie imprese riescono a capire l’importanza di partecipare alla fiere, nonostante la presenza di bandi che finanziano la partecipazione delle aziende.

L’internazionalizzazione delle imprese

Le fiere sono il luogo dove ampliare le proprie conoscenze e fare attività di networking. Il mercato internazionale è sempre più importante per le piccole e medie imprese e riuscire a farsi conoscere dai nuovi clienti è fondamentale per continuare a crescere. E lo dimostra il giro d’affari prodotto dalle fiere: oltre 60 miliardi di euro.

Quali fiere si svolgono in Italia

Tra le oltre 950 manifestazioni fieristiche svolte in Italia nel 2016, il 17% ha riguardato il settore tessile, mentre l’11% sport, intrattenimento e arte. Il 9% delle fiere, invece, ha messo in mostra il meglio del Made in Italy: abbigliamento, prodotti agroalimentari, hospitality e meccanica.

Le fiere internazionali svolte in Italia hanno richiamato in totale 13 milioni di visitatori di cui il 10% provenienti dall’estero. Un numero che può sembrare esiguo, ma in realtà non lo è. Sono circa un milione e mezzo di imprenditori stranieri che arriva in Italia per scoprire i nuovi prodotti realizzati dalle piccole e medie imprese italiane. Un’opportunità unica da sfruttare al meglio.

Cosa migliorare delle fiere in Italia

Ma non è tutto oro quello che luccica. Le fiere italiane, nonostante la partecipazione numerosa degli imprenditori, hanno molte cose da migliorare, a partire dalla capacità dei vari eventi di creare un sistema virtuoso. Le fiere minori dovrebbero avere la capacità di integrare le loro forze per organizzare manifestazioni più grandi capaci di attrarre un numero più elevato di visitatori. Solo in questo modo si potrà continuare a crescere. Inoltre, le fiere dovrebbero avere la capacità di vivere 365 giorni all’anno grazie ai social network, coinvolgendo le stesse imprese nella creazione dei contenuti.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

PMI, perché è importante partecipare alle fiere di settore