PMI, le eccellenze italiane in mostra nelle fiere estere

Grazie ai fondi messi a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico è possibile ricevere fondi per partecipare alle fiere internazionali

Grazie al Made in Italy e alle esportazioni, molte aziende sono riuscite negli ultimi anni a sopravvivere alla crisi economica e in alcuni casi ad aumentare anche il proprio giro d’affari. Far conoscere i propri prodotti e il proprio nome all’interno di mercati altamente profittevoli deve essere l’obiettivo principale di ogni piccola e media impresa italiana. Per riuscire ad aumentare le esportazioni è necessario partecipare alle fiere dedicate all’artigianato, al tessile e al manifatturiero che si organizzano ogni anno in giro per il mondo: l’unico problema è riuscire a trovare i fondi per pagare il trasporto delle merci e il soggiorno.

Come ottenere i finanziamenti

Mostrare i propri prodotti e prendere contatti con buyer stranieri è un ottimo volano per aumentare il giro d’affari delle aziende estere. Per questo motivo negli ultimi anni è aumentata l’offerta di prestiti a tassi agevolati per partecipare alle fiere internazionali. Ma per chi non vuole chiedere un aiuto alla banca lo può fare direttamente al Ministero dello Sviluppo che insieme al Ministero dell’Economia e della Finanza che ogni anno mette a disposizione finanziamenti a fondo perduto. Secondo l’Ice (Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane) nel 2017 i fondi per la promozione del Made in Italy all’estero aumenteranno del 27,6% rispetto al 2016 offrendo nuove opportunità alle aziende.

Le fiere per le PMI

Nel 2017 saranno molte le fiere dedicate alle piccole e medie imprese: si parte a marzo con l’International Jewellery show di Hong Kong e si prosegue ad aprile, sempre in Asia, con il China international machine tool show. L’evento più importante per le aziende italiane, però, sarà a Colonia nel mese di ottobre con l’Anuga, fiera internazionale dedicata al settore agroalimentare.

Come organizzarsi per partecipare alle fiere internazionali

Le piccole e medie imprese che non hanno le capacità per riuscire a partecipare alle fiere internazionali possono chiedere l’aiuto ad associazioni specializzate che aiuteranno l’azienda nella preparazione dell’evento. Da poco è stata a siglata una partnership tra Aefi, l’associazione delle esposizioni e fiere italiane, e Iela, l’ente mondiale degli operatori che si occupano di logistica nel mondo fieristico, per aiutare le piccole e medie imprese a iniziare il loro percorso verso l’internazionalizzazione dell’azienda. Un sostegno molto importante per quelle imprese che vogliono aprirsi all’industria 4.0, ma non hanno risorse a sufficienza.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

PMI, le eccellenze italiane in mostra nelle fiere estere