PMI, la Regione Lazio pubblica il bando “Creatività 2020”

L’iniziativa mette sul tavolo oltre 9 milioni di euro per finanziare i progetti di micro e PMI digitali. I finanziamenti apriranno a ottobre

La Regione Lazio pubblica un nuovo bando, con cui si impegna a finanziare i progetti innovativi di micro e piccole e medie imprese. Creatività 2020, questo il nome dell’iniziativa che rientra all’interno del programma POR FESR Lazio 2014-2020, metterà a disposizione di PMI individuali o aggregate dei finanziamenti a fondo perduto. La somma totale prevista dalla sovvenzione è di 9.260.000 euro. Gli aiuti sono destinati alle “Industrie creative digitali”.

I progetti finanziabili dal bando

Secondo il bando, potranno essere finanziati dal contributo i progetti che rientrano in questi settori: sviluppo, produzione e distribuzione cross-mediale, spettacolo digitale e dal vivo, post -produzione digitale, sviluppo e utilizzo di tecnologie digitali per il restauro e la tutela del patrimonio culturale audiovisivo e sviluppo di applicazioni nei servizi digitali per medicina, benessere personale e salute.

Il nuovo bando della regione Lazio, mirato a favorire lo sviluppo delle PMI che abbiano una sede operativa sul territorio locale, racchiude i progetti in due differenti categorie: Progetti Semplici e Progetti Integrati. I primi devono essere portati a termine entro e non oltre 12 mesi dal momento in cui è stato ricevuto il finanziamento. I costi per le piccole e medie imprese, che presenteranno un Progetto Semplice, non potranno superare i 500 mila euro ed essere al di sotto dei 50 mila euro.

Rientrano, invece, nella seconda categoria, i progetti che prevedono diversi piani di investimento e possono essere presentati da imprese singole o da aggregazioni temporanee, in cui le PMI devono essere almeno due e non superare il numero di sei. Per quanto riguarda i tempi, le imprese, che presenteranno Progetti Integrati, avranno a disposizione 18 mesi dalla data in cui è stato attribuito il finanziamento. Il tetto minimo dei costi ammissibili è di 500 mila euro e scende a 200 mila, se il progetto è costituito solo da attività di ricerca e sviluppo. La sovvenzione per ciascun progetto non potrà superare i 3 milioni di euro.

Modalità di presentazione della domanda

Le domande saranno valutate con la procedura a sportello, ovvero in base all’ordine cronologico della presentazione del progetto e fino all’esaurimento dei fondi. Gli interessati dovranno accedere al portale GeCoWeb, compilare il formulario e inviare la domanda, che dovrà essere firmata con firma digitale, tramite PEC.

Per i Progetti Semplici, i partecipanti potranno inviare le domande a cominciare dal 10 ottobre e avranno tempo fino al 12 dicembre 2017. Per chi, invece, sceglierà di chiedere la sovvenzione per Progetti Integrati, le richieste potranno essere inoltrare dal 24 ottobre 2017 e dovranno pervenire entro il 9 gennaio 2018.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

PMI, la Regione Lazio pubblica il bando “Creatività 2020”