PMI innovative, quali sanzioni in caso di mancati adempimenti

Essere una PMI innovativa porta con sé dei vantaggi, ma anche degli obblighi amministrativi. Ecco cosa si rischia se non si rispettano le scadenze

Tra quindici anni il sistema produttivo sarà cambiato completamente. Entreranno in funzione nuovi macchinari robotizzati che permetteranno di aumentare la redditività delle aziende e di diminuire i costi, anche a discapito dei lavoratori che in alcuni casi perderanno il proprio impiego. Per sostenere la ricerca e lo sviluppo nei settori 4.0, sono state istituite due speciali categorie di imprese: le PMI innovative e le startup innovative. Per entrambe è disponibile un apposito spazio sul Registro delle Imprese che permette di beneficiare di finanziamenti statali ed europei. Ma per fregiarsi del titolo di “innovative” è necessario rispettare alcune scadenze.

Cosa vuol dire essere una startup o una PMI innovativa

Le PMI innovative sono state istituite nel gennaio 2015 con il Decreto “Investment Compact” e sono le aziende che operano nel settore dell’innovazione tecnologica. Lo stesso discorso vale anche per le startup innovative. Con il decreto ministeriale si è voluto premiare le aziende che investono costantemente nella ricerca e nello sviluppo e che danno un aiuto fondamentale alla ripresa economica del paese.

I vantaggi di essere una PMI innovativa

Per essere una PMI innovativa e ottenere l’iscrizione nella particolare categoria nel Registro delle Imprese è necessario rispettare la raccomandazione comunitaria 361/2003/CE. Inoltre, per essere una micro, piccola o media impresa è necessario che il numero dei dipendenti non superi i 250 e il fatturato i 47 milioni di euro. I vantaggi di essere una PMI innovativa riguardano soprattutto l’accesso al credito con bandi personalizzati e una maggior facilità ad accedere ai finanziamenti. Ma per avere tutti questi benefici è necessario rispettare delle regole.

I compiti da adempiere per le PMi e le sanzioni in caso di ritardi

Per ottenere anno per anno il titolo di azienda “innovativa” è necessario aggiornare entro il 30 giugno di ogni anno le informazioni presentate per l’iscrizione al Registro delle Imprese e presentare il bilancio entro 30 giorni dall’approvazione dello stesso. La mancanza dell’adempimento degli obblighi porterà alla sospensione momentanea di tutti i benefici e a delle multe pecuniarie che andranno a colpire direttamente il rappresentante legale dell’azienda. In caso di mancato adempimento nei termini è prevista una sanzione di 68,66 euro per ogni legale rappresentante, più spese di notifica verbale (entro i primi trenta giorni dalla notifica) e di 206,00 euro per ogni legale rappresentante, più spese di notifica verbale, dal 31° giorno di ritardo in poi.

PMI innovative, quali sanzioni in caso di mancati adempimenti