PMI, in arrivo 50 milioni per l’efficientamento energetico

Grazie a un accordo tra Bper e Bei le grandi, medie e piccole aziende europee potranno utilizzare un fondo di 50 milioni di euro per l’efficienza energetica

La Banca Popolare dell’Emilia Romagna (Bper) e la Banca Europea per gli investimenti (Bei) hanno trovato un accordo per destinare 50 milioni di euro alle piccole, medie e grandi imprese che vorranno investire nei prossimi mesi nell’efficientamento energetico. L’obiettivo è di diminuire la produzione di sostanze inquinanti e contemporaneamente creare nuovi posti di lavoro e nuovi investimenti nel settore “green”. Nel piano economico di Juncker per il rilancio dell’economia dell’Unione Europea, l’efficientamento energetico è una delle priorità e per questo motivo il progetto portato avanti da Bper e Bei trova il sostegno anche della Commissione Europea.

Le garanzie della Commissione Europea

Il tema dell’efficienza energetica sta molto a cuore alla Commissione Europea che spera entro il 2030 di diminuire del 30% la produzione di sostanze inquinanti. E ha deciso di mettere a disposizione del progetto 6 milioni di euro, che saranno utilizzati a copertura dei finanziamenti rilasciati dalla Banca Popolare dell’Emilia Romagna. È la prima volta che la Commissione Europea si muove in prima persona per garantire dei finanziamenti per l’efficientamento energetico.

Occasione unica per le PMI

I 50 milioni di euro messi a disposizione da Bper e Bei per le PMI e le grandi aziende sono un’occasione unica da sfruttare immediatamente. L’obiettivo dell’accordo è di generare investimenti di un miliardo di euro nel settore dell’efficienza energetica, con conseguente aumento dei posti di lavoro nell’ambito nazionale. Un progetto ambizioso ma di non facile realizzazione: oltre all’aiuto delle banche saranno necessari anche altri interventi di tipo legislativo che favoriscano gli investimenti privati.

PMI, in arrivo 50 milioni per l’efficientamento energetico