PMI, Exor interessata a finanziare startup innovative

Exor, l’azienda che controlla FCA e Ferrari, sarebbe pronta a tornare a investire in Italia. L’obiettivo sono PMI e startup innovative votate all’export

Buone nuove per le PMI italiane e per le startup innovative. John Elkann, amministratore di Exor e presidente di FCA (Fiat-Chrysler), ha dichiarato che la famiglia Agnelli è pronta a tornare a investire in Italia, acquisendo delle piccole quote nelle PMI e nelle startup innovative votate all’export. Una notizia molto interessante e che denota un cambio di strategia: finora Exor aveva solamente portato all’estero le società presenti in Italia, come successo con Fiat-Chrysler con la sede dell’azienda spostata in Olanda.

La nuova strategia di Exor

John Elkann ha rilasciato le sue dichiarazioni in un’intervista al Financial Times, parlando delle strategie future di Exor, a partire proprie da un “ritorno alle origini”. La cassaforte della famiglia Agnelli sarebbe pronta a investire in Italia, dando un sostegno concreto a tutte le piccole e medie imprese innovative che presentano un progetto votato all’export. Il “Made in Italy” è un vero e propri brand e Exor sarebbe pronta a mettere a disposizione le proprie capacità per incrementare le potenzialità delle startup italiane.

Esempi di successo

Oltre ad essere votate all’export, le piccole e medie imprese devono anche essere in forte crescita. Questi i due pilastri su cui si fonda principalmente la “ricerca” di Exor. JohnElkann cita anche esempi recenti di aziende italiane di non grandissime dimensioni, ma che negli ultimi anni sono riuscite a diventare grandi grazie all’export e alle loro idee: Moncler, Eataly e Technogym. Tre aziende che nel loro settore sono riuscite a lasciare il segno.

PMI, Exor interessata a finanziare startup innovative