PMI eccellenti, quando la crescita non è un tabù

Secondo l’ultimo rapporto di Global Strategy le PMI eccellenti in Italia sono 522 e hanno dei tassi di crescita superiori di nove volte rispetto altre aziende

Ci sono delle aziende in Italia che non mostrano segni di cedimento e che in questi anni hanno visto crescere il proprio fatturato nonostante la stretta del credito delle banche e la crisi economica. Stiamo parlando delle PMI eccellenti, quelle aziende che hanno saputo rinnovarsi nel tempo e che investono gran parte dei propri ricavi all’interno dell’azienda per mantenere un livello elevato di competitività. Secondo l’ultimo rapporto di Global Strategy, le PMI eccellenti in Italia sono 522, di cui oltre 150 in Lombardia, 89 in Veneto e 69 in Emilia Romagna.

I risultati delle PMI eccellenti

Da cosa si riconosce una PMI eccellente da una normale piccole e media impresa? Le PMI eccellenti del Bel Paese fanno segnare dei tassi di crescita della produzione nove volte superiori rispetto ad alle altre aziende dello stesso settore e con la capacità di triplicare il risultato operativo in cinque anni. Il successo delle PMI eccellenti è legato anche alla capacità di esportare i loro prodotti, ma anche di investire in ricerca e sviluppo. Mediamente una PMI eccellente rinveste il 70% dei ricavi all’interno dell’azienda andando a consolidare il patrimonio netto, in modo da avere una posizione finanziaria più stabile. I tassi medi di crescita delle piccole e medie imprese sono dell’11% e questo ha permesso in molti casi di assumere nuovi dipendenti: negli ultimi cinque anni le persone assunte sono state oltre 16.000.

Quali sono le PMI eccellenti

Delle 522 PMI eccellenti individuate da Global Strategy, ben il 74% del campione è situato tra Nord Est e Nord Ovest, con una presenza minima nel Sud. Invece, per quanto riguarda i settori interessati, 16 PMI lavorano nel comparto alimentare, 15 nella meccanica e 12 realizzano e trasformano prodotti in metallo. Nella maggior parte dei casi, come succede in Italia, le PMI eccellenti sono delle aziende familiari, ma che negli ultimi anni sono state capaci ad aprirsi anche a persone esterne, introducendo nella linea di comando persone con esperienze all’estero o che abbiano conseguito dei titoli di studio specialistici. Non è più il tempo della persona unica al comando: per crescere è necessario aprirsi a persone esperte e capaci, soprattutto se l’obiettivo è conquistare i mercati esteri, come nel caso delle PMI eccellenti. E queste aziende si mostrano interessate anche all’Industria 4.0: il 14% ha già implementato nuovi impianti altamente tecnologici, mentre il 75% è pronto a farlo nei prossimi mesi.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

PMI eccellenti, quando la crescita non è un tabù