PMI, buone notizie: cresce l’occupazione

Secondo i dati dell'Osservatorio mercato del Lavoro del CNA nell'ultimo anno il numero di posti di lavoro nelle PMI sono aumentati del 3,7%

La crescita economica traina l’occupazione, perlomeno all’interno delle PMI. È quanto emerge dall’ultimo report dell’Osservatorio mercato del lavoro CNA, curato dal Centro studi della Confederazione Nazionale dell’artigianato e della Piccola e media impresa, che ha analizzato l’andamento dell’occupazione negli ultimi dodici mesi (da agosto 2016 ad agosto 2017). E i risultati sono molto positivi: il numero di posti di lavoro è aumentato del 3,6% rispetto alla crescita del 3,1% fatta registrare tra agosto 2015 e agosto 2016. E gran parte del merito è dell’aumento della produzione industriale italiana dell’ultimo anno trainata dall’Industria 4.0, come hanno dimostrato le ricerche effettuate dal Ministero dello Sviluppo Economico.

L’andamento stagionale dell’occupazione

I dati analizzati dall’Osservatorio mercato del lavoro CNA arrivano direttamente dalle oltre 20.500 imprese e 136.000 dipendenti che fanno parte del network della Confederazione. Numeri positivi sono stati registrati anche durante l’estate, periodo dove solitamente il numero degli occupati diminuisce. Ad agosto il numero di persone impiegate è sceso dello 0,9% rispetto al mese precedente, tornando ai livelli di maggio. Con l’arrivo dell’autunno e dell’aumento della produzione, i numeri non potranno che aumentare.

Più contratti a tempo determinato

Interessante anche confrontare il livello di occupazione prendendo in considerazione l’aspetto contrattuale. Scorporando i dati per tipologia di assunzione, si registra una diminuzione dei posti di lavoro a tempo indeterminato che da maggio ad agosto 2017 calano del 2%. Cresce, invece, l’occupazione a tempo determinato, che registra sempre nello stesso intervallo temporale, un incremento del 4,5%. Segnano un dato positivo anche i contratti di apprendistato, che aumentano del 4,7% e il lavoro intermittente, che ottiene un buon + 7%.

Effetti sulla ripresa economica

I dati raccolti dall’Osservatorio dimostrano come le piccole e medie imprese, sebbene negli anni siano state varate delle misure a favore della contrattazione a tempo indeterminato, tendano ancora ad utilizzare sistemi di occupazione flessibili, che comunque hanno avuto come risultato la crescita dell’occupazione che, inevitabilmente, innesca un effetto a catena, stimolando i consumi interni e favorendo l’economia italiana. Dallo studio dell’Osservatorio del CNA, curato dal Centro studi della Confederazione, emerge anche un altro elemento importante: la trasparenza e il rispetto delle leggi nei contratti.

PMI, buone notizie: cresce l’occupazione
PMI, buone notizie: cresce l’occupazione