PMI aerospaziali, un bando per chi investe in ricerca e sviluppo

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato un bando che mette a disposizione dei fondi a tasso zero per chi investe nella ricerca aerospaziale

Il settore aerospaziale italiano presenta delle realtà molto interessanti, che nella maggior parte dei casi vengono abbandonate dalle istituzioni. Per correre ai ripari, il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato un bando che mette a disposizione dei fondi a tutte le piccole e medie imprese del settore aerospaziale che vogliono investire in ricerca e sviluppo. Il bando è stato creato con il decreto ministeriale il 22 maggio e le iscrizioni saranno aperte il 1 giugno.

Chi può partecipare al bando

Il bando del Mise è rivolto a tutte le aziende, sia grandi sia medio-piccole, che vogliono investire nello sviluppo e nella ricerca di nuovi strumenti per il settore aerospaziale. Il bando copre qualsiasi tipo di progetto o idea la piccola e media impresa vuole portare avanti: infatti l’agevolazione è aperta alle tecnologie per velivoli a passo variabile e ad ala fissa, aerei per il trasporto regionale, per l’addestramento e per l’Aviazione Generale, aerostrutture, componenti per i propulsori e sistemi per la comunicazione di bordo.

Come partecipare al bando

All’agevolazione sarà possibile partecipare sia singolarmente come azienda sia in accoppiate con altre imprese. Per avere il via libera alla presentazione del progetto è necessario rispettare un requisito fondamentale: nei due anni precedenti il bando, il 25% del fatturato deve venire dalla costruzione, trasformazione e manutenzione di velivoli o dalla realizzazione dei sistemi di bordo e di equipaggiamento. In parole povere, si deve dare dimostrazione di essere un’azienda impegnata nel settore aerospaziale.

Quali progetti possono partecipare

Ogni azienda dovrà presentare un progetto che va da un minimo di 2 anni fino a un massimo di 5 anni. Nel caso in cui la PMI si presenti da sola, potrà ricevere un finanziamento a tasso zero che copre il 75% delle spese ammissibili (minimo un milione di euro). Nel caso in cui il progetto venga presentato da un gruppo di aziende, la copertura del finanziamento sale fino all’80% con un tetto massimo di 30 milioni di euro.

Sarà possibile presentare la domanda di partecipazione al bando dal 1 giugno fino al 30 settembre. Sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico sono disponibili i moduli da riempire e le procedure da rispettare per la presentazione della domanda.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

PMI aerospaziali, un bando per chi investe in ricerca e sviluppo