Con “BeLeaf: Be The Future” Philip Morris Italia apre alle start-up e alle PMI

L’azienda leader di mercato rilancia lo sviluppo di tecnologie e soluzioni innovative applicabili alla coltivazione, la raccolta e la prima trasformazione del tabacco.

Foto di QuiFinanza

QuiFinanza

Redazione

QuiFinanza, il canale verticale di Italiaonline dedicato al mondo dell’economia e della finanza: il sito di riferimento e di approfondimento per risparmiatori, professionisti e PMI.

Al via oggi la seconda edizione di “BeLeaf: Be The Future”, la call for start-up di Philip Morris Italia per rendere la filiera del tabacco sempre più sostenibile e digitalizzata.

Realizzata con Almacube – l’Innovation hub e incubatore certificato dal Ministero dello Sviluppo Economico, e con Skipsolabs – “BeLeaf: Be The Future” si rivolge a start-up, spin-off e piccole-medie imprese nazionali e internazionali che abbiano sviluppato tecnologie e soluzioni applicabili al settore agritech e in particolare per tutto ciò che riguarda la coltivazione, la raccolta e la lavorazione del tabacco.

Tra i progetti ricevuti, tre saranno quelli ammessi alla successiva fase di co-design e sviluppo con Philip Morris Italia e la sua rete di partner e fornitori, nei mesi di marzo e aprile 2022. Al termine del percorso, la valutazione, da parte di Philip Morris Italia, sul possibile avvio di una Proof of Concept delle soluzioni più promettenti, al fine di inserire nuove realtà nella propria rete di innovation partner & supplier.

“La nuova edizione della call for innovation “BeLeaf: Be The Future” rientra pienamente nell’impegno che stiamo portando avanti per supportare la sostenibilità ecologica, economica e sociale di una  filiera che vogliamo rendere sempre più ottimizzata ed efficiente – ha dichiarato Cesare Trippella, Head of Leaf EU Philip Morris Italia, che ha ribadito – Trovare sinergie e soluzioni innovative con aziende flessibili e focalizzate sull’innovazione e sulla digitalizzazione è essenziale e può fare la differenza, guardando in prospettiva alla nuova generazione di coltivatori.”

“Almacube crede fortemente nell’Open Innovation come modello di collaborazione tra start-up e grandi imprese, in grado di creare innovazione ad alto valore” spiega Andrea Barzetti, Amministratore Delegato di Almacube con sede a Bologna. “Iniziative come questa permettono di prendere il meglio dai due mondi, facilitando l’incontro tra nuove tecnologie e processi consolidati, minimizzando al contempo costi e tempi di sviluppo per tutte le parti coinvolte. È un modello ampiamente validato e che funziona.”

Il termine per la presentazione delle candidature online è il 25 febbraio 2022. Per maggiori informazioni sul progetto e sulle modalità di partecipazione basta accedere alla pagina web: https://beleafbethefuture.skipsolabs.com/it/page/call-for-startup-it