Occupazione PMI, a dicembre leggere rallentamento

L’Osservatorio Lavoro della CNA certifica una diminuzione degli occupati del 2,4% nel mese di dicembre. Su base annuale l’occupazione nelle PMI è aumentata del 2,7%, grazie soprattutto ai contratti a tempo determinato

Come è cambiata l’occupazione nelle PMI nel 2017? È cresciuta del 2,7% rispetto all’anno precedente. Ma per capire se il dato è positivo è necessario analizzarlo. A fornirci i dati è l’Osservatorio Lavoro del Centro Studi della CNA (Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa) che monitora mensilmente l’andamento occupazionale nelle micro e piccole imprese grazie alle informazioni provenienti da un campione di circa 20.000 imprese associate che occupano 133mila dipendenti. Come detto, l’occupazione è cresciuta nel 2017 del 2,7%, ma rispetto all’anno precedente sono diminuiti i contratti di lavoro a tempo indeterminato. A crescere le posizioni lavorative a tempo determinato e il lavoro intermittente.

I dati dell’occupazione a dicembre 2017

L’andamento congiunturale dell’occupazione a dicembre 2017 ha fatto segnare un -2,4%. Ciò vuol dire che il numero di occupati rispetto a novembre 2017 è calato sensibilmente. Un dato in linea con gli anni precedenti, anche se con percentuali più elevate. La diminuzione dell’occupazione ha riguardato soprattutto i contratti a tempo determinato e intermittente (rispettivamente -6,3% e 9,3%) e meno il lavoro a tempo indeterminato (-1,2%).

I dati occupazionali da gennaio 2017 a dicembre 2017

Analizzando il report dell’Osservatorio Lavoro del Centro Studi della CNA sui dati occupazionali dell’ultimo anno, si arriva a una conclusione non così scontata: il numero di occupati è aumentato, ma i contratti a tempo indeterminato sono diminuiti del 7,8%. Ad aumentare sono i contratti a tempo determinato (del 40,6%), l’apprendistato (del 22,7%) e il lavoro intermittente (del 62%, a causa della cancellazione dei voucher). L’aumento dei contratti a tempo determinato è causato soprattutto dalla fine degli incentivi governativi per l’assunzione a tempo indeterminato dei giovani.

Come è cambiata l’occupazione nelle imprese

Altro dato molto interessante della ricerca della CNA riguarda la composizione dell’occupazione. Negli ultimi tre anni è diminuito il numero di lavoratori con contratto a tempo indeterminato (passati dall’86,1% al 68,5%) e sono cresciuti i contratti a tempo determinato e l’apprendistato (rispettivamente +14% e +3%). Un cambiamento profondo che ha ripercussioni anche a livello sociale. Ma nel 2018 la tendenza dovrebbe cambiare, dato che finiscono i contratti stipulati con il Jobs Act e molti lavoratori dovranno essere stabilizzati.

Occupazione PMI, a dicembre leggere rallentamento
Occupazione PMI, a dicembre leggere rallentamento