Le scadenze fiscali di luglio 2019 per PMI e liberi professionisti

Dal 1 al 31 luglio sono molti gli appuntamenti fiscali per imprese e partite IVA: si parte con il saldo IVA e si chiude con la denuncia UniEmens

Sarà un mese di luglio pieno di appuntamenti fiscali che riguarderanno le piccole e medie imprese e i titolari di partita Iva. Si parte già dal primo luglio con una serie di scadenze molto importanti che i cittadini italiani dovranno rispettare.

Alcune degli appuntamenti fiscali di luglio si riferiscono in realtà alla fine di giugno. Sono stati posticipati al 1° luglio perché il 30 giugno è stato un giorno festivo. Si parte con il saldo IVA che potrà essere corrisposto in un’unica rata o in più tranche durante l’anno. Il 1° luglio c’è anche l’appuntamento con l’esterometro relativo alle fatture emesse nel mese di maggio. A metà mese, invece, c’è la scadenza dei versamenti INPS per i lavoratori dipendenti. Anche nelle ultime due settimane di luglio ci sono alcuni giorni da segnare sul calendario: 22, 25 e 31.

Gli appuntamenti fiscali di luglio per imprese e partite IVA

Prima di partire per le vacanze estive, i titolari delle PMI e i liberi professionisti dovranno rispettare alcune scadenze fiscali molto importanti.

  • 1 luglio. Il primo giorno di luglio è il giorno fiscale più importante del mese. A scadenze già fissate da tempo, si sono aggiunti alcuni appuntamenti di giugno slittati perché il 29 e il 30 giugno sono giorni festivi. Partiamo dalla scadenza più importante: il salvo IVA. Entro il 1° luglio i titolari di partita IVA dovranno versare in un’unica soluzione o la prima rata il saldo IVA relativo al 2018. Lo stesso lo dovranno fare anche le partite IVA non soggetti ISA. Altra scadenza importante è il versamento dell’IRPEF da parte delle persone fisiche che non hanno una partita IVA. Per le aziende, invece, c’è l’obbligo di comunicare i dati delle fatture emesse o ricevute con soggetti UE ed extra UE. Lo strumento ha preso il nome di esterometro.
  • 15 luglio. Gli esercenti che lavorano con il commercio al minuto o nella grande distribuzione devono inviare la registrazione dei corrispettivi. Nello stesso giorno, i soggetti IVA devono emettere e registrare tutte le fatture differite dei beni consegnati o spediti nel mese solare precedente.
  • 16 luglio. Classico appuntamento mensile per le aziende che svolgono il ruolo di sostituto d’imposta: versamento dei contributi dei lavoratori dipendenti all’INPS tramite il modello F24.
  • 22 luglio. I titolari di partita IVA devono versare il bollo virtuale sulle fatture elettroniche emesse nel secondo trimestre 2019 (aprile – maggio – giugno).
  • 25 luglio. Presentazione degli elenchi Intrastat per gli operatori intracomunitari.
  • 31 luglio. Le piccole e medie imprese devono trasmettere i dati retributivi e contributivi UniEmens.

Le scadenze fiscali di luglio 2019 per PMI e liberi professionist...