Italia, la patria della micro imprese

In Italia l’88% delle aziende è composto da micro imprese con meno di cinque dipendenti. Il Molise e la Calabria guidano la classifica regionale

L’Italia, sotto il punto di vista economico, vive un momento molto particolare: la ripresa stenta a decollare, mentre in tutta Europa il prodotto interno lordo comincia a consolidarsi. E una delle cause della difficoltà dell’Italia a ripartire dipende proprio dalla particolare conformazione dell’industria italiana. L’economia del Bel Paese si fonda soprattutto sulle micro, piccole e medie imprese che rappresentano una percentuale enorme delle aziende presenti nel territorio italiano. Secondo gli ultimi dati dell’Istat ben l’88% delle società del Bel Paese sono micro imprese formate da meno di cinque dipendenti. Un dato allarmante. E non perché le micro imprese non siano importanti per l’economia di un Paese, ma perché le piccole aziende hanno difficoltà a crescere e a fare investimenti in ricerca, il vero motore per cercare di aumentare la crescita economica.

La fotografia regione per regione

Dai dati dell’Istat è possibile inquadrare alla perfezione la situazione che stiamo vivendo in Italia. Le micro e le piccole imprese sono fondamentali per mandare avanti molti settori dove il Bel Paese è una delle nazioni leader al mondo, ma spesso sono anche un problema, a causa soprattutto dei ritardi nei pagamenti che possono mettere in ginocchio un’azienda. Dai dati forniti dall’Istat, la percentuale di micro imprese è più alta nelle Regioni che hanno affrontato maggiori problemi a uscire dalla crisi. In Molise, Calabria, Basilicata, Campania, Sardegna e Sicilia la percentuale di micro imprese supera addirittura il 90%. Il dato più basso è nel Trentino Alto Adige, con la percentuale che si ferma all’83,3%.

Altro dato molto interessante è quello che riguarda la percentuale di dipendenti che lavorano all’interno delle micro imprese. Infatti, mentre le piccole aziende rappresentano l’88% del totale, i lavoratori solo il 32%. Segnale che il peso delle grandi imprese è ancora determinante per l’industria italiana.

Italia, la patria della micro imprese