Industria 4.0, 51 milioni in arrivo alle PMI dalla Regione Toscana

La Giunta Regionale toscana ha aperto cinque bandi di finanziamento dedicati alle PMI del territorio per promuovere l’acquisto di macchinare intelligenti

Non solo finanziamenti europei e nazionali (come il progetto Horizon 2020 o la Nuova Sabatini), ma anche bandi creati dalle Giunte Regionali per aiutare le piccole e medie imprese a innovarsi. È quanto sta facendo la Regione Toscana, che per spingere sull’acceleratore in ambito Industria 4.0 ha deciso di aprire cinque nuovi bandi di finanziamento dedicati alle micro, piccole e medie imprese che vogliono innovarsi. In totale i cinque bandi promossi dalla giunta regionale toscana mettono a disposizione 51 milioni di euro: l’obiettivo è non perdere il treno dell’Industria 4.0 e mantenere elevato il livello di competitività delle aziende toscane.

Come saranno suddivisi i bandi

Tre bandi saranno dedicati a progetti di ricerca e sviluppo e metteranno a disposizione 18,5 milioni di euro, mentre gli altri due finanziamenti avranno in dotazione 32,5 milioni di euro da utilizzare per acquistare nuovi strumenti e macchinari connessi. I progetti dovranno favorire la crescita tecnologica dell’azienda e seguire le direttive del piano “Strategia di specializzazione intelligente per la Toscana (RIS 3)”.

I bandi per ricerca e sviluppo

I tre diversi bandi per ricerca e sviluppo saranno dedicati rispettivamente a progetti strategici di ricerca e sviluppo (6,1 milioni di euro), progetti di ricerca e sviluppo delle micro, piccole e medie imprese (8,9 milioni di euro) e progetti attuativi dei Protocolli di Insediamento (3,5 milioni di euro). Inoltre, per ogni bando è prevista una riserva dedicata esclusivamente a progetti di Medtech, ovvero di ricerca per le tecnologie da applicare al settore medico. La riserva avrà a disposizione circa 3 milioni di euro. I progetti che basati sull’Industria 4.0 saranno quelli che avranno più possibilità di ottenere i fondi. I finanziamenti verranno erogati sotto forma di contributo in conto capitale.

Bandi per investimenti in macchinari

Gli altri due bandi che hanno in dotazione più di 30 milioni di euro sono dedicati agli investimenti nell’acquisto di impianti o di beni altamente tecnologici. Anche in questo caso, le aziende beneficiare sono le micro, piccole e medie imprese. In questo caso si tratta di prestiti a tasso zero che dovranno essere restituiti alla Regione entro sette anni e coprono tra il 50% e il 70% delle spese presentate nel progetto dalle aziende. Per poter far richiesta di finanziamento le imprese devono rispettare alcuni requisiti: essere costituite da più di due anni e fare investimenti sul territorio della Regione Toscana. Per poter ottenere un punteggio maggiore, i progetti dovranno presentare degli investimenti nel campo dell’Industria 4.0.

Dove presentare la domanda

Per presentare i propri progetti si dovrà effettuare l’accesso al sistema informatico di Sviluppo Toscana S.p.A. I bandi si apriranno a inizio luglio e la scadenza dei bandi varia a seconda della tipologia.

Industria 4.0, 51 milioni in arrivo alle PMI dalla Regione Toscan...