In Toscana liberi professionisti equiparati alle PMI per accesso ai bandi

La giunta regionale ha approvato una delibera che equipara liberi professionisti e piccole e medie imprese: potranno partecipare ai bandi europei

I liberi professionisti e le micro, piccole e medie imprese godranno degli stessi benefici, perlomeno per quanto riguarda l’accesso ai fondi del programma del FESR (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale). A deciderlo, per la prima volta in Italia, è la Regione Toscana che con una delibera di giunta ha equiparato le due categorie. I liberi professionisti potranno presentare domanda ai bandi di finanziamento per formazione e sviluppo del programma POR-FESR 2014-2020. La scelta della Regione Toscana arriva dopo alcuni anni di lotta a livello europeo e nazionale, soprattutto a causa dell’alto numero di liberi professionisti presenti nella regione del Centro Italia (39 ogni 1000 abitanti).

Requisiti da rispettare

Per poter accedere ai bandi europei, però, i liberi professionisti dovranno rispettare alcuni requisiti, così come già accade per le micro, piccole e medie imprese. In primis, dovranno essere in regola con gli oneri contributivi verso i propri dipendenti o essere in regola con la certificazione che attesti la sussistenza e l’importo di crediti certi, liquidi ed esigibili vantati nei confronti di pubbliche amministrazioni e verificabile attraverso il DURC. Non bisogna aver avuto problemi con l’Antimafia, avere le capacità economico finanziare per poter portare avanti il progetto, essere regolarmente iscritti all’ordine o all’albo professionale di riferimento, non essere in difficoltà e non avere ricevuto nei tre anni precedenti il bando dei procedimenti amministrativi.

Le altre iniziative della Regione Toscana in favore dei liberi professionisti

L’equiparazione con le micro, piccole e medie imprese è solamente l’ultima delle iniziative intraprese dalla giunta regionale della Toscana in favore dei liberi professionisti. Nel corso dell’anno ci saranno dei finanziamenti a sostegno dell’innovazione nel campo dell’attività professionale e ci sarà l’istituzione di un centro studi presso l’IRPET che permetterà di monitorare la situazione dei liberi professionisti toscani.

Fondo di Garanzia per i giovani

Per agevolare l’accesso al lavoro anche ai giovani professionisti, la Regione Toscana ha creato un Fondo di Garanzia per consentire l’avvio di nuove imprese e il Contributo in conto interessi. Inoltre, il praticantato per i giovani sarà retribuito e sarà istituito il Catalogo Servizi Avanzati e Qualificati per le PMI toscane.

In Toscana liberi professionisti equiparati alle PMI per accesso ai&nb...