Dal CIPE 300 milioni per il Fondo di Garanzia per le PMI

Nella seduta prenatalizia il Comitato interministeriale per la programmazione economica ha voluto destinare altri 300 milioni per sostenere la crescita economica delle piccole e medie imprese

Regalo di Natale per le PMI italiane: il Comitato interministeriale per la programmazione economica (CIPE) ha deciso di finanziare il Fondo di Garanzia per le PMI con 300 milioni di euro che vanno a sommarsi a quelli che il Governo ha investito negli ultimi anni. È un segnale importante per tutte le piccole e medie imprese che hanno difficoltà nel trovare fondi da investire nei loro progetti. Con la crisi economica gli istituti di credito hanno chiuso i cordoni della borsa e diminuito enormemente i soldi prestati alle aziende, soprattutto le più piccole.

Cosa fare con i 300 milioni del Fondo di Garanzia

Il Fondo di Garanzia è uno strumento che le piccole e medie imprese possono utilizzare quando devono richiedere un prestito alle banche. Gli istituti di credito, prima di erogare un prestito, chiedono alle aziende delle garanzie che molto spesso non hanno. Il Fondo di Garanzia per le PMI è stato creato proprio per questo motivo, dare la possibilità anche alle imprese che non potrebbero avere dei prestiti di ottenerli. Nel caso in cui l’azienda non riesca ad estinguere il debito, entra in soccorso il Fondo che va a pagare le rate mancanti, permettendo alle banche di non avere delle sofferenze e delle mancanze economiche. I 300 milioni messi a disposizione dal CIPE permetteranno ad altre centinaia di PMI di ottenere dei prestiti e di continuare a investire per la crescita dell’economia italiana. In questi anni il Fondo di Garanzia per le PMI è stato un volano per la crescita economica dell’Italia e lo sarà anche nei prossimi.

Fondi per la ricostruzione post sisma

Oltre a destinare 300 milioni per le PMI, il Comitato interministeriale per la programmazione economica (CIPE) ha finanziato alcune misure per il Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC). In particolar modo sono stati assegnati dei fondi al progetto “Resto al Sud” ed sono state approvate alcune misure per potenziare il Piano investimenti Banda Ultra Larga.

Infine, sono stati destinati nuovi fondi per la ricostruzione post-sisma in Abruzzo. L’obiettivo è far ripartire al più presto la città universitaria dell’Aquila e le attività culturali della Regione.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dal CIPE 300 milioni per il Fondo di Garanzia per le PMI