Credito imposta Sud, investimenti per 6,4 miliardi di euro

Sbloccato l'accesso delle imprese al credito di imposta per gli investimenti nel Sud che ammontano a 6,4 miliardi di euro

Grazie a una circolare pubblicata dal Ministero dell’Interno, le erogazioni in denaro destinate al credito di imposta per il Sud non verranno bloccate.

Una paralisi causata da una necessaria verifica antimafia che dovrebbe essere rilasciata dalle Prefetture per poter ricevere “i contributi, i finanziamenti e le altre erogazioni”. Tuttavia, questi certificati venivano consegnati con grande ritardo a causa di rallentamenti all’interno delle stesse Prefetture. La conseguenza? Il rischio di un blocco di una parte dei 6,4 miliardi di euro investiti.

È questo infatti l’ammontare degli investimenti relativo al credito di imposta Sud, ovvero un’agevolazione a favore di soggetti con reddito di impresa che acquistano nuovi beni di tipo strumentale da destinare a strutture che si trovano in regioni quali Sardegna, Sicilia, Molise, Abruzzo, Campania, Calabria, Puglia e Basilicata.

Il beneficio fiscale è regolato dalla Legge di Stabilità 2016, dove il decreto legge del 29 dicembre 2016, n. 243, è stato modificato con la legge n.18 del 27 febbraio 2017, a cui è seguita una variazione della normativa del credito di imposta nella modalità seguente:

  • aliquote più elevate per il credito di imposta che riguarda l’acquisto di beni strumentali nuovi, ovvero dal 10% al 25% per le grandi imprese, dal 15% al 35% per quelle medie e dal 20% al 45% per le piccole aziende;
  • eliminazione della norma per cui era previsto il calcolo del credito di imposta al netto degli ammortamenti fiscali ricavati nel periodo di imposta, per beni che rientrano nelle categorie corrispondenti a quelle agevolabili;
  • inclusione della Sardegna fra le regioni del Sud;
  • aumento dell’ammontare massimo per ogni progetto di investimento;
  • cancellazione del divieto di cumulo del credito di imposta con altri aiuti di Stato.

Grazie alla circolare emessa, vengono così sbloccati quei finanziamenti particolarmente attesi nelle regioni del Sud e dove il meccanismo del credito d’imposta aveva iniziato a prendere piede. A fine 2017 infatti, si contavano benefici fiscali per 1,5 miliardi per 14.204 investimenti privati, che hanno mobilitato 4 miliardi di investimenti. Questa cifra è notevolmente cresciuta tanto che oggi ha raggiunto i 6,4 miliardi di investimenti a fronte di 2,2 miliardi di credito di imposta.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Credito imposta Sud, investimenti per 6,4 miliardi di euro