Bando ricerca e sviluppo in favore delle PMI umbre

La Regione Umbria mette a disposizione delle piccole e medie imprese dodici milioni di euro per realizzare dei progetti per ricerca e sviluppo

Nuovi materiali, nuovi metodi produttivi, nuovi macchinari che rendono il lavoro più semplice e veloce. Fare ricerca e sviluppo è fondamentale per ogni azienda, soprattutto per quelle che vogliono restare competitive nel proprio settore. La Regione Umbria, per sostenere gli investimenti in ricerca e sviluppo delle piccole e medie imprese umbre, ha messo a disposizione dodici milioni di euro da ripartire tra i progetti ritenuti idonei.

Come funziona il bando ricerca e sviluppo della Regione Umbria

I finanziamenti sono destinati a gruppi di PMI e istituti di ricerca che vogliono realizzare un Progetto strategico di ricerca. Le associazioni di piccole e medie imprese possono essere sia temporanei che permanenti e devono comprendere un numero di società che va da un minimo di 3 a un massimo di 7. La collaborazione non deve essere fittizia ma reale, le aziende devono essere organizzate in una forma riconosciuta giuridicamente e tutte le PMI devono essere iscritte al Registro delle Imprese.

Miglioramenti per tutte le aziende

Affinché il progetto presentato dal gruppo di aziende venga accettato dalla Regione Umbria deve rispondere a dei requisiti ben precisi:

  • produrre dei benefici a tutte le piccole e medie imprese che fanno parte del progetto;
  • il progetto di ricerca e sviluppo deve essere veramente interessante e rispondere alle necessità che arrivano da quello specifico settore;
  • aumentare la competitività e creare nuovi posti di lavoro all’interno delle aziende che hanno presentato il progetto per il finanziamento.

Quando scade il bando

Per il bando ricerca e sviluppo la Regione Umbria ha messo a disposizione dodici milioni di euro e le aziende che presenteranno un progetto vincente riceveranno un finanziamento a fondo perduto. Una volta che il progetto verrà considerato idoneo, i lavori dovranno partire il giorno seguente e si avranno a disposizione due anni e mezzo per riuscire a portare a termine i lavori. Le aziende, in caso di necessità, potranno richiedere immediatamente un anticipo fino al 70% del finanziamento. Le domande per partecipare al concorso potranno essere presentate entro il 31 marzo esclusivamente tramite la piattaforma della Regione Umbria.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bando ricerca e sviluppo in favore delle PMI umbre