Il negozio in tasca, senza ingombri di carrello

Lo shopping online ha le potenzialità per trainare l’intero settore commerciale. E anche le aziende medio-piccole possono beneficiarne senza dover sostenere costi di installazione esagerati.

Che il futuro del commercio passi dal web, e in particolare dagli acquisti fatti con smartphone, non è affatto una novità. Dati e statistiche dimostrano che gli italiani spendono sempre più negli e-commerce e, nei prossimi anni, la tendenza è destinata a crescere. Secondo il report ISTAT del Commercio al dettaglio di maggio 2018, il settore dell’e-commerce è cresciuto del 13,9% rispetto allo stesso periodo del 2017. Una performance di gran lunga superiore rispetto alle catene della grande distribuzione e le piccole realtà commerciali, che registrano una crescita inferiore nel periodo maggio 2017 – maggio 2018.

Un risultato che acquista ancora maggior spessore se si considera che il commercio elettronico nel nostro Paese non è ancora riuscito a esprimersi al meglio delle proprie possibilità. Come evidenziato dal report “eCommerce B2c: Piattaforme e strumenti per aumentare le vendite” dell’Osservatorio eCommerce B2c Netcomm – School of Management del Politecnico di Milano, solo 1 utente su 100 conclude il processo di acquisto online, segno che nel customer journey ci sono ampi margini di miglioramento.

Per le PMI del commercio, dunque, è fondamentale scegliere una piattaforma cucita addosso alle proprie esigenze, che permetta loro di creare siti e-commerce con facilità, di aumentare il tasso di conversione e far crescere i profitti del commercio elettronico.

E-commerce come fattore di crescita

Il report dell’Osservatorio eCommerce B2c Netcomm – School of Management del Politecnico di Milano parla chiaro: si può fare di più, nonostante la crescita in doppia cifra fatta registrare negli ultimi anni. Secondo i dati diffusi dall’Osservatorio del PoliMi il 43,9% dei visitatori abbandona una pagina di un e-commerce pochi secondi dopo esserci entrato, mentre il 42,8% chiude la pagina mentre sta cercando un prodotto. Della parte restante, l’11,7% abbandona il carrello senza portare a conclusione l’acquisto, mentre solamente l’1,6% acquista effettivamente i prodotti cercati e messi nel carrello.

E se i grandi nomi dell’e-commerce riescono a rifarsi del basso tasso di conversione grazie al maggior volume di visite, i piccoli store locali o di nicchia risentono non poco dei problemi in fase di customer journey. Per questo motivo è molto importante scegliere una piattaforma e-commerce facile da utilizzare e dotata di tutti gli strumenti necessari all’ottimizzazione SEO degli annunci di vendita.

Per creare un sito web di e-commerce che concorra a migliorare le performance in termini di vendite, è possibile sfruttare anche la ricca offerta di soluzioni che TIM mette a disposizione sul Tim Digital Store, per trovare la soluzione più adatta al proprio business . Le soluzioni disponibili sono ormai alla portata di tutte le esigenze e di tutti gli investimenti. Tra questi, ad esempio, servizi come Sito Magico e TIM E-commerce Easy permettono di creare un sito Internet partendo dalla Pagina Facebook aziendale e  utilizzare la funzionalità di e-commerce facilmente gestibile anche senza grandi competenze informatiche. Soluzioni come Web&You sono invece chiavi in mano, predispongono campagne di promozione e posizionamento sui motori di ricerca conquistando nuovi clienti e migliorando i tassi di conversione delle visite.

In collaborazione con TIM

Il negozio in tasca, senza ingombri di carrello