Riforma Pensioni, i calcoli sulla quattordicesima

Platea e importi per soglia di reddito

Dal 2017 i pensionati con redditi fino a due volte il minimo percepiranno la quattordicesima mensilità, oggi riservata solo agli assegni fino a 1,5 volte il minimo: è una delle novità di Riforma Pensioni, che prevede anche un innalzamento del trattamento per coloro che già lo percepiscono. Vediamo con precisione come si configura l’allargamento della platea e a quanto ammonta l’assegno per le singole categorie di pensionati. Le norme sono contenute nell‘articolo 26 della Legge di Bilancio 2017.

La quattordicesima, si legge, spetta in misura diversa a coloro che hanno un reddito complessivo individuale fino a 1,5 volte il minimo (significa 9.786,86 euro) oppure fra 1,5 e 2 volte il minimo (quindi fino a 10.290,86 euro). Per il raggiungimento delle soglie di reddito (1,5 o 2 volte il minimo), si calcolano anche tutti gli altri redditi percepiti, con le seguenti esclusioni: assegni familiari, indennità di accompagnamento, reddito della casa di abitazione, trattamenti di fine rapporto, competenze arretrate, pensioni di guerra, indennità per i ciechi parziali e per i sordomuti. Quindi, la quattordicesima spetta a coloro che rientrano nelle sopracitate soglie calcolando tutti i redditi percepiti.

L’importo della quattordicesima cambia per le pensioni da lavoro dipendente e da lavoro autonomo, e in base agli anni di contribuzione. Si va da un minimo di 437 euro per redditi fino a 1,5 volte il minimo con contribuzione fino a 15 anni se la pensione è da lavoro dipendente (18 anni se è da lavoro autonomo), a un massimo di 504 euro per redditi fino a 2 volte il minimo e oltre 25 anni di contributi (28 anni da lavoro autonomo).

Vediamo con precisione a quanto ammonta la quattordicesima per le singole categorie di pensionati, tenendo conto di tutte le variabili.

PENSIONI FINO A 1,5 VOLTE IL MINIMO

ANNI DI CONTRIBUZIONE
QUATTORDICESIMA 2017
Pensione da lavoro dipendente: fino a 15
Pensione da lavoro autonomo: fino a 18
437 euro (nel 2016 erano 336)
Pensione da lavoro dipendente: fra 15 e 25
Pensione da lavoro autonomo: fra 18 e 28
546 euro (nel 2016 erano 420)
Pensione da lavoro dipendente: oltre 25
Pensione da lavoro autonomo: oltre 28
655 euro (nel 2016 erano 504)

 

PENSIONI FRA 1,5 E 2 VOLTE IL MINIMO

ANNI DI CONTRIBUZIONE
QUATTORDICESIMA 2017
Pensione da lavoro dipendente: fino a 15 anni
Pensione da lavoro autonomo: da 18 a 28 anni
336 euro
Pensione da lavoro dipendente: da 15 a 25 anni
Pensione da lavoro autonomo: fra 18 e 28 anni
420 euro
Pensione da lavoro dipendente: oltre 25 anni
Pensione da lavoro autonomo: oltre 28 anni
504 euro

 

Leggi anche:
Pensioni e contributi mancanti: come versare i contributi volontari
Italia in coda per produttività: 3 misure ad hoc per guardare avanti
Lavoro, in Germania disoccupazione ai minimi storici
Giovani e lavoro: Italia ultima in classifica tra i Paesi OCSE
Partite Iva: dal fisco ai congedi, tutte le novità del Ddl Autonomi
Pensioni, Boeri attacca il governo: “Misure non credibili, la mia riforma costava meno”

Riforma Pensioni, i calcoli sulla quattordicesima