Pensioni, Quota 100 e divieto di cumulo: chi rischia di dover restituire l’assegno

Intanto, sono quasi 123mila le domande: lo comunica l'Inps rendendo noto il dato aggiornato al 23 aprile

Quota 100 (62 anni di età e 38 anni di contributi), la misura di riforma in ambito pensionistico a trazione leghista, prevista dalla Legge di Bilancio per aver diritto all’uscita anticipato dal lavoro, ha ufficialmente debuttato il primo aprile per i dipendenti privati, mentre per quelli del pubblico impiego la prima data utile di decorrenza è fissata al 1° agosto.

Ovviamente bisogna fare i conti con qualche paletto da rispettare per non incorrere in spiacevoli sorprese: chi otterrà l’assegno dovrà fare molta attenzione al divieto di cumulo con redditi da attività da lavoro, perché rischia di dover restituire la pensione.

Ancora tanti i nodi da sciogliere. Proprio nelle scorse ore, per cercare di fare chiarezza, l’Inps ha pubblicato un nuovo messaggio contenente alcune domande e risposte sui punti più dubbi della misura ma altri restano aperti. Ad esempio si attendono delucidazioni ufficiali a proposito del rapporto fra indennità di disoccupazione (Naspi) e i requisiti di Quota 100.

LA QUESTIONE NASPI – Nel caso in cui un fruitore della Naspi si ritrovi a maturare i requisiti per la pensione in quota non è ancora stato ufficializzato se si produca la automatica decadenza dall’indennità di disoccupazione.

REDDITI E PENSIONE – Come riporta il Sole24Ore in un articolo di oggi a firma di Antonello Orlando : “Un’altra peculiarità di quota 100 consiste nella sua incumulabilità con i redditi di lavoro dipendente e autonomo fino all’età della pensione di vecchiaia, temperata dal possibile cumulo con il lavoro autonomo occasionale nella soglia massima annuale di 5mila euro lordi. La norma si riferisce nello specifico a queste tre categorie reddituali del nostro ordinamento, lasciando fuori da possibili interferenze – almeno sulla carta – redditi alternativi, come quelli di partecipazione, percepiti da un socio lavoratore di una società a responsabilità limitata di ambito commerciale.

PER CASSA O PER COMPETENZA – In realtà, si legge ancora sul quotidiano economico, la circolare Inps 11/2019 ha fornito una lettura più estensiva, vietando il cumulo con qualsiasi reddito collegato ad attività lavorativa, instillando alle persone interessate ulteriori dubbi su quali redditi siano realmente compatibili con quota 100. Inoltre, l’Istituto dovrà chiarire come sarà -a posteriori- verificata la cumulabilità, cioè se per cassa o per competenza.

SOGLIA DEI 5MILA EURO – Il mancato rispetto del divieto di cumulo non comporta la perdita definitiva della pensione, ma la revoca degli importi erogati nell’anno in cui si supera il limite dei 5mila euro di lavoro autonomo occasionale o si svolgono lavori che determinano redditi incompatibili con quota 100″.

I NUMERI DI QUOTA 100 – Intanto, vediamo nel dettaglio alcuni numeri della misura. Sono quasi 123mila, per la precisione 122.889, le domande presentate per andare in pensione con Quota 100. Lo comunica l’Inps in una nota riportando i dati aggiornati al 23 aprile.

Cgil: nel 2019 coinvolta neanche metà della platea prevista– Quota 100 “sarà una misura che nel 2019 coinvolgerà 128mila persone”, ben 162mila in meno rispetto alla platea di 290mila persone stimata dal Governo, dice Ezio Cigna, responsabile della previdenza pubblica della Cgil nazionale, secondo il quale “la differenza è ancora più marcata se si prende a riferimento la platea prevista nel triennio. In questo caso, infatti, si stima che ‘quota 100’ coinvolgerà solo un terzo delle persone previste dal Governo, 325 mila invece di 973 mila”.

Per il dirigente sindacale questo coinvolgimento molto più basso rispetto alla platea prevista dal Governo determinerà un avanzo importante di risorse.

Nel triennio per l’insieme delle misure previdenziali prese in esame non saranno utilizzati 7 miliardi e 200 milioni, dei 21 miliardi stanziati in Legge di Bilancio. Nel 2019, dei 3,968 miliardi stanziati dal Governo, non saranno utilizzati 1,6 miliardi, nel 2020 si prevede il mancato utilizzo di 2,9 miliardi e nel 2021 di 2,6 miliardi”.

Pensioni, Quota 100 e divieto di cumulo: chi rischia di dover restitui...