Pensioni, M5S: nessun taglio su quelle medie e basse

Pensioni, nessun taglio a medie e basse. Chiara la linea del Movimento 5 Stelle: nel 2019 saranno più alte

(Teleborsa) – Sulle pensioni minime, argomento di attualità indiscussa, il M5S si è espresso. La strada che intende seguire, a tal proposito, è chiara: nessun taglio agli assegni ma, al contrario, solo un rinforzo.

“Quello che questo Governo sta facendo per restituire condizioni di vita dignitose per tutti i cittadini non si vedeva da tempo”, hanno precisato in una nota i portavoce del Movimento 5 Stelle delle Commissioni Lavoro e Attività produttive della Camera.

Degli interventi presenti in Legge di Bilancio, come è stato spiegato, “nessuno è andato a penalizzare chi ha pensioni basse e medie”.

“C’è Quota 100, c’è il taglio delle pensioni d’oro e, inoltre, ricordiamo sempre che, chi percepisce pensioni minime al di sotto della soglia di povertà, può usufruire dell’integrazione dovuta dalla pensione di cittadinanza”, è stato poi aggiunto nella nota.

Le Commissioni Lavoro, inoltre, si sono espressi anche sulla tanto discussa rivalutazione delle pensioni al costo della vita di cui, hanno scritto, “tanto si sta parlando e spesso a sproposito in questi giorni”. Su questo punto, sempre nella nota, è stato precisato che: “Il regime appena introdotto è molto più favorevole rispetto a quello in vigore tra il 2014 e il 2018″.

“Tutte le pensioni fino a 9 volte la minima, ossia 4500 euro lordi mensili, godranno di aumenti superiori rispetto a quelli garantiti negli anni passati. Se ci sarà un piccolo conguaglio sulle pensioni è perché da gennaio a marzo, in attesa che fosse applicato il nuovo regime di rivalutazione, ha agito quello introdotto nel 2000, ma parliamo comunque di un conguaglio medio di 0,90 centesimi per pensioni fino ai 2000 euro”, hanno specificato i portavoce.

Al fine di migliorare le condizioni di vita di quei pensionati che a stento riescono ad arrivare a fine mese, dunque, l’obiettivo che si è prefissato il M5S, come riportato nell’ultima comunicazione, è uno: “Nel 2019 le pensioni saranno più alte rispetto a quando governava il Pd”.

Per sottolineare le buone intenzioni del Governo pentastellato, in conclusione, la nota del Movimento è stata chiusa con il seguente appunto: “Il Movimento 5 Stelle non mette le mani nelle tasche degli italiani. Continueremo a lavorare per garantire lavoro e pensioni dignitose a tutti i cittadini”.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pensioni, M5S: nessun taglio su quelle medie e basse