Pensioni, continua il braccio di ferro tra sindacati e governo che adesso apre sull’aspettativa di vita

"Cambiamo il calcolo della speranza di vita", così l'esecutivo prova a mediare

(Teleborsa) Confronto serratissimo tra governo e sindacati sul tema (caldissimo) delle pensioni con l’esecutivo che prova a mediare.

Nella giornata di ieri i tecnici di Palazzo Chigi, infatti, provano a correre ai ripari e hanno aperto alla possibilità di modificare i meccanismi per calcolare la speranza di vita a cui legare l’adeguamento dell’età.

In pratica, l’idea del governo è quella di calcolare, a partire dal 2021, l’aspettativa di vita considerando la media del biennio 2018-2019 confrontata con la media del biennio precedente; l’eventuale aumento sarebbe portato sul biennio 2021-2022.

Nel caso, invece, in cui il risultato fosse negativo, questo sarebbe scalato nella verifica per il biennio successivo (2023-2024). Questo significa che, anche in caso di riduzione dell’aspettativa di vita, non ci sarebbe mai un calo dell’età pensionabile ma solo uno stop e l’adeguamento dell’età di pensionamento alla speranza di vita continuerebbe a scattare ogni due anni.

“Mi auguro che si trovi un accordo coi sindacati. C’è un confronto in piedi, anche oggi 9 novembre c’è stato un momento di discussione, lunedì 13 ci sarà l’incontro con il presidente del Consiglio e coi segretari confederali, io credo che quando si attiva un confronto sia sempre un elemento positivo perché consente a ognuno di mettere in campo le proprie considerazioni, le proprie valutazioni”. E’ così che la pensa il Ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, dopo che oggi c’è stato un nuovo tavolo tecnico sulle pensioni a Palazzo Chigi.

PROPOSTA INSUFFICIENTE – Per i sindacati, però,  l’apertura, seppur positiva, ancora non basta, tanto più che è braccio di ferro  sui mestieri che potrebbero essere esentati dall’aumento a 67 anni previsto per il 2019. Sono 15 in tutto (gli 11 già previsti dall’Ape social più siderurgici, agricoli, marittimi e pescatori) e nonostante le pressioni di Cgil, Cisl e Uil, non sembra esserci, almeno al momento, c alcuna intenzione di ampliamento della platea.
Pensioni, continua il braccio di ferro tra sindacati e governo che adesso apre sull’aspettativa di vita
Pensioni, continua il braccio di ferro tra sindacati e governo che ade...