Pensioni: è online la ‘busta arancione’. Ti dice quanto prenderai

Dopo anni di promesse è finalmente partito il progetto dell'Inps

Se ne parla da almeno 20 anni, ma ora l’Inps, l’istitutio di previdenza, è finalmente in grado di rendere disponibile a tutti i contribienti la cosiddetta "busta arancione", ossia un documento (il nome viene dall’omologo svedese) in cui il contribuente è in grado di sapere quanto ragionevolmente può aspettarsi dal suo futuro assegno pensionistico. La simulazione non arriverà a casa in una busta arancione, tutto si farà online, utilizzando il sito internet e i codici personali per i servizi Inps a questo indirizzo.

Vedi anche:
INPS: QUI LA BUSTA ARACIONE ONLINE
Inps, come richiedere il Pin per accedere ai servizi del welfare
Pensioni: come e perché vanno ridotte le "distorsioni" del sistema
Pensione anticipata con 15 anni di contributi: mini-guida sui requisiti
Pensioni: riforma Fornero bocciata, 5 miliardi da restituire agli italiani

TEMPISTICA – La sperimentazione su 10mila "cavie" pensionande è terminata (il test si chiama "Simula"): dal 1 maggio si è partiti su larga scala. L’operazione, secondo il presidente Inps Boeri, dovrebbe aiutare anche a fare in modo che "i contributi non vengano percepiti come tassa, ma come una forma di risparmio forzosa", oltre che rendere più consapevoli i lavoratori italiani dell’assegno previdenziale su cui potranno contare durante la loro vecchiaia. (Continua sotto)

COME FUNZIONA – Il sistema consente di simulare la pensione futura sulla base di quanto finora versato, della retribuzione attesa e della data di ritiro dal lavoro.
Ogni singolo contribuente sarà dotato di un Pin personale per accedere ai servizi online dell’Inps.
L’applicazione valuterà l’estratto conto previdenziale visibile online, elaborerà i contributi che ancora mancano, li assocerà allo scenario macro-economico sulla base dei dati della Ragioneria dello Stato. I parametri comprendono:
– l’andamento dell’economia (il Pil)
– l’andamento delle retribuzioni
– il livello di inflazione
Fra i parametri rientra ovviamente anche la speranza di vita: fra un anno ci sarà il nuovo dato a partire dal 2016. E’ chiaro che con l’aumentare della speranza di vita, diminuisce l’importo dell’assegno.

CHI PUO’ USUFRUIRNE – I lavoratori con contribuzione versata al Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti, alle Gestioni Speciali dei Lavoratori Autonomi (Artigiani e Commercianti,  Coltivatori diretti, coloni e mezzadri), e alla Gestione separata, con rilasci successivi per fasce di età:
– dal 1° maggio, i lavoratori sotto i 40 anni;
– dal 1° giugno, i lavoratori sotto i 50 anni;
– dal 1° luglio, tutti i lavoratori sopra i 50 anni.
Dal 2016, il servizio sarà disponibile anche per i dipendenti pubblici e per  i lavoratori con contribuzione versata agli altri Fondi e Gestioni amministrate dall’Inps.
 

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pensioni: è online la ‘busta arancione’. Ti dice quanto&n...