Pensione con la valigia in mano: due italiani su tre pronti a trasferirsi all’estero

Pur di mantenere uno stile di vita simile a quello attuale

(Teleborsa) E’ il momento, per molti, atteso tutta una vita. Messi alle spalle anni di lavoro e sacrifici, infatti, quale miglior ricompensa che godersi un po’ di relax dopo aver raggiunto il tanto ambito traguardo.
Due italiani su tre sarebbero pronti a trasferirsi all’estero dopo la pensione. E’ quanto emerge da un’indagine dell’ Osservatorio di Reale Mutua stando alla quale due italiani su tre si dicono pronti a lasciare la terra natia e varcare i confini pur di mantenere uno stile di vita simile a quello attuale. Pensionati sì, ma rigorosamente con la valigia in mano.

Non solo, dunque, i più giovani, alle prese con un futuro che zoppica. Sembra proprio che fare armi e bagagli sia una soluzione sempre più ambita anche da chi ha qualche capello bianco in più.

VINCE LA PAURA – L’incognita è sempre la stessa e si chiama “futuro”. In un clima di incertezza, infatti, difficile fare professione di ottimismo. Fra i principali timori espressi dagli intervistati c’è quello di non poter sostenere le spese mediche di cui si potrebbe aver bisogno andando in là con gli anni (45%) o persino cadere in povertà assoluta (33%). Così come in tanti temono di non riuscire a fornire un adeguato sostegno economico a figli e nipoti (32%) e di dover gravare economicamente sulla famiglia anche per le necessità quotidiane (26%).

CRESCE L’INTERESSE PER LE PENSIONI COMPLEMENTARI – Eppure gli italiani provano a spazzare le nubi all’orizzonte cercando di trovare soluzioni alternative in grado  in grado di assicurare una terza età con standard di reddito adeguati.
Più della metà degli intervistati, infatti, (55%) ritiene che la risposta più importante possa arrivare dalla previdenza complementare: di questi, il 52% con un fondo pensione, il 37% con un piano individuale di risparmio e il restante 11% stipulerebbe una polizza assicurativa. Anche qui a fare da ago della bilancia, il fattore tempo: tutti d’accordo nel ritenere che occorre  per tempo, fin da giovani (33%) o da quando si inizia la propria carriera lavorativa (38%).

Pensione con la valigia in mano: due italiani su tre pronti a trasferi...