Pensione anticipata: da Isopensione a Quota 100, i chiarimenti Inps

L'Inps chiarisce la possibilità di andare in pensione anticipata con Quota 100 anche per i titolari di isopensione e assegno straordinario

l’Istituto di previdenza fornisce ulteriori precisazioni – riprese dal sito delle piccole-medie imprese pmi.it – chiarendo che anche i titolari di assegni di accompagnamento alla pensione erogati tramite l’Inps con i fondi delle aziende esodanti (isopensione) e assegni straordinari di solidarietà possono accedere alla pensione anticipata con Quota 100.

Quota 100 ai già titolari dei trattamenti
Il dubbio interpretativo in merito ai titolari di questi trattamenti nasceva dal fatto che il Dl 4/2019 – che ha dato il via anche a Quota 100 e Reddito di Cittadinanza – ha escluso, a partire dalla sua entrata in vigore (29 gennaio 2019), la possibilità di anticipare la decorrenza dell’assegno straordinario di solidarietà e dell’isopensione, lasciando in sospeso però la questione relativa ai soggetti già titolari di tali trattamenti.
Il quesito riguardava dunque quale fosse la soluzione percorribile nell’eventualità che venissero maturati i requisiti anagrafici e contributivi per la Quota 100 prima della scadenza naturale di questi trattamenti, ovvero alla maturazione della pensione di vecchiaia o della pensione anticipata.

Secondo l’Inps, in queste ipotesi, i titolari di isopensione o assegno straordinario di solidarietà hanno la possibilità di interrompere anticipatamente i trattamenti di esodo ed andare in pensione con Quota 100, al perfezionamento dei requisiti anagrafici e contributivi (62 anni di età e almeno 38 anni di contributi).

L’Istituto conferma l’interpretazione secondo la quale DL 4/2019 ha escluso la possibilità di accedere all’assegno straordinario di solidarietà o all’isopensione per maturare i requisiti di Quota 100, ma ha lasciato ai già titolari di questi trattamenti la possibilità di accedere al pensionamento anticipato con i requisiti di Quota 100. Si tratta ovviamente di una facoltà e non di una scelta obbligata. Ognuno con riferimento al proprio caso dovrà considerare vantaggi/svantaggi di questa opzione.

Effetti dell’interruzione anticipata
Interrompere anticipatamente i trattamenti di esodo genera infatti delle conseguenze sulla determinazione della misura dell’assegno previdenziale causando l’interruzione del versamento della contribuzione correlata che le aziende esodant avrebbero effettuato fino alla scadenza naturale di tali trattamenti. Questo può comportare un assegno previdenziale più basso di quello che si sarebbe percepito a fine trattamento e, in alcuni casi, anche dell’importo del trattamento stesso.

I beneficiari dovrebbero inoltre considerare che aderendo alla Quota 100 non avranno più la possibilità di cumulare con la pensione redditi da lavoro, cosa invece possibile con gli assegni straordinari e l’isopensione.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pensione anticipata: da Isopensione a Quota 100, i chiarimenti In...