“Bomba” Pensioni, in 20 anni la spesa raddoppierà. Inps a rischio

Nel 2039 salirà a 297 miliardi. L'Inps lancia lallarme sulla tenuta del sistema

Un argomento del quale si parla già da tempo che anticipa uno scenario tutt’altro che roseo. Sullo sfondo una considerazione in ottica presente che però non deve trarre in inganno sugli sviluppi futuri: chi canta vittoria per i “bassi” tiraggi di Quota 100 ,del canale contributivo con 43 anni e un mese, di Opzione donna o  l’anticipo precoci che quest’anno garantiranno una minor spesa fino a  1,3 miliardi, e risparmi cumulati fino a 5-5,5 miliardi nel triennio (un  quarto di quanto previsto) – deve fare i conti con la prospettiva di una spesa destinata a esplodere, da qui a breve.

Come anticipa oggi Il Sole 24 Ore, nei prossimi 20 anni “la spe sa pensionistica in Italia aumenterà in maniera esponenziale“. Basta prendere in considerazione la principale gestione Inps: il fondo pensioni lavoratori dipendenti (Fpld), che rappresenta il 45% dell’intera spesa  pensionistica – quest’anno paga 8,6 milioni di pensioni al valore
nominale medio di 14.700 euro lordi l’anno, per un totale di quasi 143  miliardi. Tra vent’anni, ossia nel 2039, le pensioni in pagamento stimate nei  bilanci prospettivi dell’Istituto salirebbero per il solo Fpld a poco
meno di 9 milioni e 300mila (+7%). Assegni del valore medio di  27mila euro lordi, per una spesa che in termini nominali arriverà a  sfiorare i 297 miliardi. Praticamente, appunto, il doppio. 

Le stime dell’istituto di previdenza sociale – non di dominio pubblico ma visionate dal quotidiano economico – si basano sulle proiezioni delle carriere lavorative costanti calcolando in pieno l’effetto contributivo. Il reddito annuo medio nei prossimi anni potrebbe passare da 24.200 euro a 44.950 euro. Il tasso di sostituzione resterebbe comunque al 60 per cento e da qui ne deriverebbe un incremento della spesa. A ciò si aggiunge il fatto che le spese stimate dall’Inps in questo momento non tengono in considerazione gli effetti dei costi di Quota 100 sulle voci di spesa previdenziali. I calcoli con la riforma pensionistica verranno poi introdotti nelle proiezioni del 2020.

La “bomba” pensioni – su cui incombe il ritiro dal mercato del lavoro delle folte coorti dei baby
boomers  –  è pronta a esplodere nei prossimi anni mostrando la fragilità di un aistema che diventa sempre più costoso. 

TRIDICO DIFENDE QUOTA 100 – Intanto, il Presidente dell’Inps Pasquale Tridico “difende” Quota 100″: “E’ una misura che dura tre anni ed è assolutamente sostenibile per i conti dell’Inps”, ha detto da Trieste, rispondendo a chi gli chiedeva se il rischio dell’apertura di una procedura di infrazione da parte dell’Ue nei confronti dell’Italia e il varo di una manovra finanziaria correttiva da parte del governo possa far saltare il provvedimento. “Da questa misura – ha replicato – si ricavano dei risparmi”. “Oggi abbiamo 140mila domande e si può anche intravedere un risparmio rispetto all’iniziale previsto da quel capitolo”.

“Naspi, Rdc, Quota 100 – ricorda il presidente dell’Inps – sono tutti provvedimenti che cercano di dare risposte in un contesto economico difficile” e svolgono “una funzione di stabilizzazione sociale oltre che economica”. “Quando pensiamo ai conti pubblici – conclude – pensiamo anche che, grazie a quelle misure, l’Inps funge da stabilizzatore automatico della situazione sociale”.

“Bomba” Pensioni, in 20 anni la spesa raddoppierà. Inps a...