Renzi: “Rimborseremo una parte delle pensioni”

"Studiamo come superare il limite della Corte e contemporaneamente a ridare una parte di quei soldi"

«Non interveniamo sulle pensioni. Il governo non metterà le mani nelle tasche degli italiani, non toglieremo niente a nessuno. Il governo Monti ha bloccato l’indicizzazione. Questo blocco è stato giudicato incostituzionale. Ormai ci troviamo a risolvere i problemi provocati da altri». Sul buco-pensioni, messo in luce dall sentenza 70/2015 della Consulta, il premier Matteo Renzi si difende dall’accusa di voler attentare ai diritti acquisiti ma ai microfoni di Radio Anch’io (Radio 1 Rai) annuncia tra le priorità il ripensamento del « modello di organizzazione delle pensioni: lo faremo nei prossimi giorni e mesi».

Nello sforzo di chiarire il più possibile i margini di manovra dell’Esecutivo sulla spinosa questione dei rimborsi , Renzi ribadisce che «la Corte non ha detto che non si può fare il blocco» della indicizzazione delle pensioni più alte, «ma che fatto in quel modo lì, non andava bene. Stiamo studiando a come fare a superare il limite della Corte e contemporaneamente a ridare una parte di quei soldi».

Lascia un commento

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Renzi: “Rimborseremo una parte delle pensioni”