Putin e il mistero del mega yacht in Italia, vale una fortuna

A Marina di Carrara il mistero sul mega yacht ormeggiato al porto della città si stringe sempre di più, potrebbe essere di Putin?

Mentre vengono sequestrati i beni degli oligarchi russi e vicini al presidente russo Vladimir Putin, le indagini della Guardia di Finanza non si fermano in Italia e, negli ultimi giorni, pare si siano concentrate a Marina di Carrara, in Toscana, per cercare di identificare il proprietario dello Scheherazade, un mega yacht lungo 459 piedi che si trova ora nel porto turistico della città.

I misteri che girano attorno a questa proprietà non sono pochi. La gente del posto, come riporta il New York Times, lo ha soprannominato da tempo “lo yacht di Putin“, ma potrebbe appartenere a uno degli oligarchi russi molto vicini allo zar.

Le indagini sul Scheherazade, il presunto mega yacht di Putin

Le autorità, salite sull’imbarcazione in questi giorni (a seguito della maxi inchiesta avviata per sequestrare i beni degli oligarchi in Italia, qui i beni bloccati e il loro valore) hanno chiesto di vedere tutta la documentazione relativa all’armatore proprietario dello yacht che si trova a Marina di Carrara. Niente di ufficiale è ancora emerso ma il Times è riuscito a rintracciare il capitano dello Scheherazade, Guy Bennett-Pearce, che ha dichiarato di non aver mai visto Putin sullo yacht.

L’intestatario del bene pare sia russo ma, secondo il contatto del NYT, non sarebbe nell’elenco delle persone colpite dalle sanzioni inflitte alla Russia dopo l’invasione dell’Ucraina (qui quelle che hanno coinvolto anche le mogli degli oligarchi). Sull’identità di questo, però, il capitano non ha potuto rivelare altro, per via di un accordo di riservatezza molto stretto e vincolante che gli vieta di divulgare notizie al riguardo.

Per non perderti le ultime notizie e ricevere i nostri migliori contenuti, iscriviti gratuitamente al canale Telegram di QuiFinanza: basta cliccare qui.

Il mega yacht Scheherazade vale una fortuna

Le uniche notizie certe che si hanno a oggi sull’imbarcazione riguardano il suo valore. Scheherazade è uno dei superyacht più grandi, nuovi e costosi del mondo.

Secondo il sito web SuperYachtFan il suo costo si aggirerebbe intorno ai 700 milioni di dollari (più di 630 milioni di euro), ha due ponti per elicotteri ed è ricoperto di cupole satellitari. All’interno, come testimoniano delle foto pubblicate da un ex membro della troupe, c’è una piscina con una copertura a scomparsa che si trasforma in una pista da ballo. Poi c’è la palestra completamente attrezzata e gli infissi dorati nei bagni.

La sua presenza nel porto, da tempo, è stata sempre accompagnata da un alone di mistero. Proprio per il suo immenso valore, la gente del posto ha sempre vociferato sul fatto che si potesse trattare di un’imbarcazione appartenente o a uno sceicco o un magnate russo. Senza però avere prove concrete né della prima né della seconda ipotesi.

A infittire il mistero l’eccessiva riservatezza – insolita anche per il mondo esclusivo dei superyacht – che circonda questa nave. Non solo appaltatori e membri dell’equipaggio firmano accordi di riservatezza, come avviene su molti yacht, ma Scheherazade ha anche una copertura per nascondere la targhetta. Inoltre, quando è arrivato per la prima volta al porto, è stata eretta un’alta barriera metallica sul molo per oscurare in parte l’imbarcazione da occhi indiscreti e da tutti gli spettatori di passaggio (cosa che, come ha dichiarato la gente del posto al Times, non era mai successa prima d’ora a Marina di Carrara).