Petizione per cacciare l’amante di Putin dalla Svizzera: chi è

Una raccolta firme su change.org chiede di espellere Alina Kabaeva, la presunta amante del presidente russo

Esilio per Alina Kabaeva: è la proposta di alcuni cittadini svizzeri che con una raccolta firme on-line chiedono al governo elvetico di cacciare l’ex ginnasta russa ritenuta una delle amanti di Vladimir Putin. La 38enne si troverebbe nascosta con i loro quattro figli in una località segreta in Svizzera. E una petizione arrivata ad oltre 55mila consensi ne vorrebbe l’espulsione.

Petizione per cacciare l’amante di Putin dalla Svizzera: la raccolta firme contro Alina Kabaeva

“Cara Confederazione Svizzera, perché concedi la residenza ai complici del regime di Putin? Per favore, unisci Alina “Eva Braun” Kabaeva al suo “Führer” Vladimir” scrivono così alcuni cittadini provenienti da Russia, Ucraina e Bielorussia che hanno lanciato on-line la raccolta firme (qui abbiamo parlato della sfida sul web contro Putin).

“Nonostante la guerra in corso – si legge nel testo in tedesco – la Svizzera continua a ospitare un complice del regime di Putin. Ricordiamo che non è solo una semplice donna inquinata dal legame con il dittatore russo, ma è anche una criminale contro l’umanità”.

Secondo alcune indiscrezioni rivelate dal New York Post alcune settimane fa, l’ex ginnasta oro olimpico ad Atene, ritenuta l’amante di Putin nonostante non abbiano mai confermato la relazione, sarebbe nascosta “in uno chalet molto sicuro”.

Kabaeva si troverebbe insieme ai loro quattro figli in una residenza di lusso di un fedelissimo del presidente russo, al confine tra Svizzera e Francia.

Sempre stando a quanto riportato dal tabloid americano, gli amici della 38enne starebbero cercando di convincerla a usare il suo rapporto con Putin affinché fermi la guerra in Ucraina (qui abbiamo parlato delle ipotesi di piano nucleare di Putin).

“Pare che non ascolti nessuno, ma forse lei potrebbe ascoltarla” ha detto al quotidiano statunitense una fonte vicina ad Alina Kabaeva.

“Putin è circondato da decine di guardie di sicurezza. Alina dice che non sa se potrà raggiungerlo, e anche se dovesse riuscirci, non sa se sarà in grado di tornare indietro per stare con i loro figli. Però Alina potrebbe viaggiare con diversi nomi e passaporti. Vola su jet privati ​​e non rischierebbe di viaggiare a suo nome”, avrebbe spiegato ancora la fonte.

Per non perderti le ultime notizie e ricevere i nostri migliori contenuti, iscriviti gratuitamente al canale Telegram di QuiFinanza: basta cliccare qui.

Petizione per cacciare l’amante di Putin dalla Svizzera: la vita privata del presidente russo

Nel tentativo di fermare l’aggressione all’Ucraina, ogni aspetto della vita del presidente Vladimir Putin viene passato al setaccio in particolare quello che coinvolge la sua blindata vita personale (qui abbiamo parlato del piano segreto per eliminare Putin).

Dopo la fine del primo matrimonio nel 2013 con la politica russa. Ljudmila Aleksandrovna Putina, dalla quale ha avuto due figlie Maria e Katerina (che hanno cambiato cognome rispettivamente in Vorontsova, genetista, e Tikhonova, ballerina e matematica) la sfera sentimentale del capo del Cremlino è stata tenuta inaccessibile (qui per sapere le ipotesi sulle condizioni di salute di Putin).

Con Alina Kabaeva, il presidente russo avrebbe avuto due gemelle di sette anni nate vicino a Lugano. Mentre secondo altre indiscrezioni i figli sarebbero quattro, tutti con passaporti svizzeri.

Petizione per cacciare l’amante di Putin dalla Svizzera: chi è Alina Kabaeva

Nata nel 1983 a Tashkent, capitale dell’Uzbekistan, Alina Maratovna Kabaeva è una delle più grandi atlete della ginnastica ritmica russa, con un oro olimpico e due campionati mondiali, ex modella e adesso tra le donne più potenti in patria: dal 2007 al 2014, è stata anche deputata della Duma per il partito Russia Unita.

La donna si vede raramente in pubblico, ma è stata ripresa in un video mentre ballava a Mosca a dicembre.

L’Occidente finora non ha sanzionato Kabaeva, nonostante sia anche presidente del consiglio di amministrazione del National Media Group, un importante colosso televisivo e quotidiano legato al Cremlino, con uno stipendio di quasi 8 milioni di sterline l’anno.