Italia, ora è un rompicapo: tutte le combinazioni per qualificarsi

Qualificazione ai Mondiali di Qatar 2022: in quali casi l’Italia può chiudere prima nel girone e cosa succede in caso di arrivo a pari punti con la Svizzera

Adesso l’attesa è tutta rivolta alla serata di lunedì prossimo. L’Italia si giocherà la qualificazione ai prossimi Mondiali di Qatar 2022 allo stadio Windsor Park di Belfast, in Irlanda del Nord, il 15 novembre. Il calcio d’inizio del match è fissato per le ore 20:45.

Si decide tutto nell’ultima giornata del gruppo C, dopo il pareggio contro la Svizzera di venerdì sera. Un risultato che non soddisfa la nostra Nazionale: un successo infatti avrebbe garantito agli azzurri l’accesso diretto alla fase finale della rassegna mondiale che prenderà il via tra dodici mesi.

Invece l’1 a 1 maturato allo Stadio Olimpico contro gli elvetici costringe i ragazzi del commissario tecnico Roberto Mancini a non fallire la trasferta in terra britannica. Di fronte ci sarà una squadra senza grandi motivazioni, ma gli inconvenienti sono sempre dietro l’angolo (vedi il rigore sbagliato da uno specialista come Jorginho).

In contemporanea scenderanno in campo anche Svizzera e Bulgaria e sarà inevitabile tenere un occhio fisso anche su questa partita. L’Italia infatti non è completamente padrona del proprio destino: non basterà vincere in Irlanda del Nord per staccare il pass per il Qatar ed evitare la grande incognita dei playoff (qui quanti soldi ottiene la Nazionale qualificandosi alla rassegna mondiale).

La situazione del gruppo C prima dell’ultima partita

Italia e Svizzera si presentano all’ultimo turno appaiate in testa con lo stesso punteggio. Entrambe possono infatti vantare 15 punti, frutto di 4 vittorie e 3 pareggi ottenuti nel cammino (iniziato lo scorso marzo) compiuto fino ad oggi, nonostante gli innumerevoli stop dovuti alla pandemia (qui il rapporto tra nuovi casi e assembramenti legati al calcio, con l’esempio degli ultimi Europei).

Per ora nel calcolo della classifica sono gli azzurri a figurare in vetta al gruppo C in virtù di una migliore differenza reti generale. È uno dei criteri fondamentali individuati dalla Fifa per determinare la graduatoria finale in situazioni come queste, quando due squadre giungono accoppiate nella stessa posizione.

  • Italia 15 punti (13 gol fatti, 2 subiti: +11 differenza reti)
  • Svizzera 15 (11 gol fatti, 2 subiti: +9 differenza reti)
  • Irlanda del Nord 8
  • Bulgaria 8
  • Lituania 3

Tutti gli scenari possibili per evitare i playoff

Alla luce del risultato dell’Olimpico, c’è ancora la possibilità che Italia e Svizzera chiudano a pari punti e in testa alla classifica. Cosa succede in questo caso? Qual è la squadra prima nel girone che conquista la qualificazione diretta ed evita i playoff? Per redigere la classifica finale la Fifa ha indicato una serie di parametri utili:

  • La migliore differenza reti generale (la situazione attuale vere Italia +11, Svizzera +9)
  • Il numero maggiore di gol segnati nel girone (13 vs 11 in favore della Nazionale)
  • Punti ottenuti nelle partite tra le formazioni a pari punti
  • Differenza reti nelle partite tra squadre a pari punti
  • Gol segnati nelle partite tra squadre a pari punti
  • Gol segnati in trasferta valgono doppio tra le squadre interessate (se il pareggio è solo tra due squadre)

Il gol della Svizzera in trasferta taglia fuori dal novero dei criteri gli ultimi due, ai quali si ricorre nei casi in cui non si sia ancora riusciti a spezzare l’equilibrio tra le squadre. Anche all’andata infatti il match tra azzurri ed elvetici si era concluso in parità, con il risultato di 0 a 0 (e anche allora determinante fu un rigore sbagliato dallo stesso Jorginho).

In altri frangenti si era fatto ricorso anche ad altri metri di giudizio, quali il fair play (ammonizione -1, doppio giallo -3, espulsione diretta -4, giallo più rosso diretto -5) ma anche l’ultima ratio del sorteggio ad opera del Comitato Organizzativo della FIFA. Per le qualificazioni ai mondiali però queste modalità non sono state indicate dalle autorità organizzatrici.

E così ai ragazzi di Roberto Mancini non rimane che vincere contro l’Irlanda del Nord segnando più reti possibile, sperando che la Svizzera non faccia ancora meglio contro la Bulgaria. Solo così sarà possibile per tutti noi ritornare a sognare in grande, cosa a cui ci eravamo abituati dopo le storiche emozioni vissute solo quattro mesi fa.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Italia, ora è un rompicapo: tutte le combinazioni per qualificarsi