G20, quanto costa una notte negli hotel dove alloggiano i leader

Dove alloggiano i leader del G20 a Roma e quanto costa una notte negli hotel scelti nella Capitale

L’incontro annuale al vertice del G20 a Roma ha lo scopo di promuovere la cooperazione economica globale. Per questo motivo leader politici e alti funzionari si sono riuniti nella Capitale per partecipare a incontri più o meno formali e attività diplomatiche riguardanti questioni importanti come il cambiamento climatico, la catena di approvvigionamento globale, la pandemia e le tasse (qui, per esempio, la decisione presa in merito alla tanto discussa global tax).

G20 a Roma: massima sicurezza e strade chiuse per accogliere i leader politici

L’organizzazione di un evento del genere, per ovvi motivi, richiede un impiego di risorse ed energie non indifferente. Dalla protezione alla logistica, l’Eur di Roma – nel cuore pulsante Nuvola – è stato attrezzato e circoscritto ad un’area di massima sicurezza di 10 chilometri (con strade chiuse, divieti di sosta e percorsi deviati che hanno interessato gran parte dell’area Metropolitana della città).

Non solo la zona adibita ai lavori è stata però adattata e trasformata per accogliere i leader politici. Per i soggiorni dei Capi di Stato che hanno scelto di rimanere a Roma, infatti, sono stati scelti i migliori hotel, che si sono adoperati per accogliere al meglio tutti gli ospiti del G20 (staff e accompagnatori compresi). Basta pensare che sono state 4.000 le camere riservate a Roma nei giorni precedenti all’evento.

Quanto costa una notte negli hotel dove alloggiano i leader

Gli hotel scelti dai leader presenti al G20 (ai quali è stato riservato anche un tour speciale della Capitale) sono tutte strutture di lusso, situate tra Via Veneto e il Pinciano, praticamente al centro del salotto di Roma.

Noi di QuiFinanza abbiamo provato a fare i conti e, affidandoci alle agenzie di viaggio online più conosciute e utilizzate in Italia, siamo riusciti a mettere su un vero e proprio listino prezzi.

Quanto costa una notte negli hotel di lusso scelti dai politici del G20 a Roma? 

Gli hotel più cari

All’Hotel de Russie, dove alloggiano Angela Merkel e il marito Joachim Sauer, ma anche il Presidente del Consiglio Europeo Charles Michel, il Presidente del Consiglio di stabilità finanziaria Usa Randal Quarles e il primo ministro di Singapore Lee Hsien Loong, una camera singola standard costa dai 1.180 ai 1.200 euro circa a notte. Per una camera doppia matrimoniale i prezzi salgono a 1.400/1.500 euro a notte, fino ad arrivare a 2 mila euro per una junior suite e quasi 4 mila euro a notte per una suite executive.

Al Rome Marriott Grand Hotel Flora alloggia invece il premier australiano Scott Morrison (dai 300 ai 600 euro circa a notte), mentre il sultano del Brunei ha scelto l’hotel Eden – Dorchester Collection, dove una camera non costa meno di 1.200 euro, con i prezzi di una suite classic che si aggirano intorno ai 2.900/3.000 euro a notte.

A Villa Grippina Gran Melià, dove una camera matrimoniale standard costa dai 400 ai 680 euro circa a notte, soggiorna invece il premier spagnolo Pedro Sanchez. I prezzi in questo caso sono maggiori per chi decide di soggiornare in una suite: si va dai 650/1.000 euro per una junior suite, ai 1.200/1.600 euro per una master suite, fino ai quasi 5 mila euro a notte per una suite con piscina privata (in grado di ospitare al suo interno un massimo di sei persone).

Non ha rinunciato al lusso nemmeno il presidente turco Erdogan, che ha scelto l’hotel The St. Regis Rome, dove una camera per una notte non costa meno di mille euro. Per le suite poi i prezzi raddoppiano, circa 2.000/2.200 euro a notte, fino ad arrivare – a seconda dei servizi scelti – a 2.300/2.500 euro a notte.

Gli hotel meno cari

Il presidente francese Macron con la moglie Brigitte alloggiano invece al Sofitel Roma Villa Borghese, dove una camera matrimoniale per una notte costa dai 400 ai 600 euro. I prezzi salgono a più di mille euro a notte (dai 1.000 ai 1.300 circa) per una suite. Qui ha scelto di alloggiare anche il ministro degli Esteri Jean Yves Le Drian.

Il primo ministro del Regno Unito Boris Johnson soggiorna all’hotel The Westin Excelsion Roma di via Veneto, dove una camera matrimoniale costa dai 500 gli 800 euro a notte.

Al Grand Hotel De La Minerv si trova invece il premier dei Paesi Bassi Mark Rutte. Nella stessa struttura c’è la regina Maxima Zorreguieta, impegnata al G20 come avvocato speciale del segretario generale delle Nazioni Unite. Qui una camera, per una notte e in questo periodo, costa dai 230 ai 450 euro circa a notte.

Non siamo riusciti a risalire ai prezzi precisi dei soggiorni scelti invece dal Principe Carlo e il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, quest’ultimo arrivato dall’America insieme alla moglie – nonché first lady – Jill Tracy Jacob (che ha incontrato la moglie di Mario Draghi, Serena Cappello). L’erede della Regina Elisabetta, nello specifico, ha deciso di soggiornare a Villa Wolkonsky, nei pressi di Piazza Maggiore. Mentre i coniugi Biden hanno optato per Villa Taverna nel quartiere Pinciano.

Disclaimer: Va detto, in conclusione, che i costi sopra esposti sono frutto di una media, non sono prezzi precisi o non variabili. Le stesse cifre, infatti, potrebbero tendere al rialzo o al ribasso a seconda dei periodi scelti, della disponibilità della struttura, nonché dei servizi extra richiesti dagli ospiti. Le stesse offerte delle agenzie potrebbero variare anche in base agli accordi presi con chi organizza uno spostamento o un evento. Le stime di QuiFinanza, infatti, sono frutto di una prenotazione simulata, effettuata nel periodo 30/31 ottobre per soggiorni di una singola notte effettuati tra il 30 ottobre 2021 e il 2 novembre 2021.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

G20, quanto costa una notte negli hotel dove alloggiano i leader