Vente-privee.com: ecco come l’azienda francese sta sfidando Amazon

Amazon non è l’unico colosso degli ecommerce. Vente-privee.com, la piattaforma delle vendite-evento, sta crescendo e fa concorrenza al gigante americano

Amazon è ormai diventato il colosso dell’ecommerce e vendite online, con un catalogo vasto, prezzi concorrenziali e soprattutto velocità nelle consegne. Online però ci sono alternative, che offrono vendite interessanti e competitive.

Un esempio è Vente-Privee, portale ecommerce delle vendite-evento; le vendite-evento hanno una finestra temporale limitata (da tre a cinque giorni) e riguardano abbigliamento, oggetti, accessori, dispositivi hi-tech di grandi marche offerti a prezzi scontati.

L’azienda è stata fondata nel 2001 da Jacques-Antoine Granjon e oggi opera in quattordici Paesi Europei e non solo; con oltre 6 mila dipendenti con età media di 32 anni, 72 milioni di soci, 7 mila marchi tra i clienti, Vente-Privee registra la vendita annuale di 120 milioni di prodotti e nel 2017 ha fatturato circa 3,3 miliardi di euro.

Le azioni dell’azienda sono decollate grazie ai numeri sempre più grandi e alla forte crescita; Vente-privee.com ha anche tentato di sbarcare sul mercato americano nel quale però non ha avuto un grande successo, e ha quindi puntato ancora di più sull’Europa, mantenendo una costante espansione: “Negli Usa non ha funzionato perché è il paese degli outlet, nel senso che ogni brand produce capi per quel tipo di punti vendita. È perciò una realtà più difficile in cui affermarsi, anche per i lunghi tempi di consegna e la presenza di vari competitor, come Gilt, che però hanno riscontrato le nostre stesse difficoltà. Così, nonostante dei buoni numeri e un partner d’eccezione come American Express, abbiamo preferito fermarci e concentrarci sull’Europa” afferma Granjon, CEO dell’azienda.

Pur puntando come Amazon sull’ecommerce già dai primi anni 2000, Granjon decide di investire sul desiderio dell’esclusività delle vendite-evento a tempo; la svolta arriva nel 2004 con l’arrivo della linea internet veloce: “noi avevamo buoni prodotti, ottimi brand e prezzi vantaggiosi, dovevamo solo aspettare che la gente scoprisse la novità dell’acquisto online”, ricorda Granjon.

Dal 2015 Vente-privee.com ha avviato una serie di acquisizioni: la spagnola Privalia, la svizzera eboutic.ch, la danese Designers & Friends, la polacca Zlote Wyprzedaże. Ora la priorità dell’azienda è crescere e rafforzare il brand vente-privee.com nei singoli Paesi. L’obiettivo è infatti quello di ripetere in ogni Paese il successo ottenuto in Francia.

Altra caratteristica vincente dell’azienda francese è l’attenzione all’innovazione. Vente-privee.com si avvale ad esempio di un software acquistato dalla svedese Looklet, che da scatti automatici ai manichini consente di avere svariate combinazioni di outfit in base alle esigenze, riducendo costi e tempi.

C’è poi la divisione La Crea, che realizza la parte visuale dei settori dei prodotti venduti. Qui i brand più importanti possono usufruire di servizi ad hoc e contare sullo studio di registrazione interno per spot pubblicitari utili al lancio delle vendite.

Vente-privee.com e il suo CEO hanno le idee chiare sul loro futuro: crescita, innovazione, visione a lungo termine. Granjon non ha più il desiderio di crescere in America insieme ad Amazon, ormai è l’Europa l’area territoriale in cui crede sempre più fermamente: “non credo a un’Europa in difficoltà, perché siamo un continente con grande cultura, storia e mercato. Serve però unità di intenti, mentre invece oggi aumentano i movimenti di separazione e alcuni paesi che sembra vogliano tornar indietro nel tempo”.

Il presidente di Vente-Privee non ha soluzioni pronte all’uso ma guarda con fiducia al futuro, a patto di “avere una visione a lungo termine, proteggere le imprese europee e far rispettare le norme alle grande compagnie tech americane”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Vente-privee.com: ecco come l’azienda francese sta sfidando Amaz...