Turismo, Flavio Briatore parla ed è subito polemica: Italia non all’altezza

Nuove critiche dall'imprenditore al modo in cui viene gestito il turismo in Italia

Sono troppo pochi i voli per portare i turisti in Sardegna, l’attacco di Flavio Briatore.

Il noto imprenditore ha pubblicato un post polemico su Instagram, in cui compaiono due immagini a confronto del traffico aereo sulle Baleari e sulla Sardegna. Mentre la mappa delle isole della Spagna è ricoperta dalle sagome degli aerei – i voli in arrivo – quella della Sardegna ne mostra appena quattro.

“Confronto traffico aereo Baleari e Sardegna. Passeggeri in arrivo a Olbia nel 2018 3 milioni. Ibiza: 8 milioni, Mykonos 1,5 milioni!!! Non c’è turismo in Sardegna, per trovare voli verso le Baleari non c’è problema. Per la Sardegna? Impossibile”, è il commento di Briatore alle immagini. Per l’imprenditore il punto debole del turismo sull’isola è proprio la scarsità dei collegamenti aerei.

Il post ha scatenato l’inevitabile dibattito, tra chi dà ragione a Briatore e chi invece lo critica, sottolineando che quello della Sardegna è un turismo diverso e più di élite. Meglio un mega yacht sulla Costa Smeralda che il turismo di massa che spesso invade le Baleari, è il ragionamento di alcuni.

“Se in Sardegna c’è un calo del turismo è colpa di chi decide per lei, hanno eliminato Meridiana da Olbia, hanno eliminato Ryanair da Alghero. Con una conseguente perdita di turisti che per noi sardi sono oro!!!! Se poi pensiamo al costo della nave, si deve rinunciare a venire in Sardegna”, si legge in un commento.

Mykonos serve con un aeroporto minuscolo e indecente tutte le Cicladi, Ibiza è lì a servire tutto il turismo concentrato lì. Facile dunque vedere picchi di aerei su mappa soprattutto se i traghetti sono impercorribili come soluzione di arrivo diretto da altri Paesi. Poi se punti la mappa sul Gennargentu e seghi via Cagliari e il mare attorno a Sassari e Olbia dove gli aerei in hovering si ammassano è ovvio che sembra deserto”, risponde un utente criticando il post di Briatore, che in effetti non mostra i voli su Cagliari.

Un altro commentatore scrive: “Paragone non sostenibile. 100 aerei a Palma non spendono quello che un solo yacht spende a Porto Cervo. È una scelta! Giusta o sbagliata non discuto. Ma se avete voluto il turismo di super lusso, Billionaire in primis non potete lamentarvi del poco afflusso del popolo”.

Non è la prima volta che Flavio Briatore si scaglia contro la gestione del turismo in Italia. Un anno fa se la prese con il “turismo delle ciabatte“, quello popolare, sostenendo che sarebbe preferibile favorire piuttosto il turismo di lusso, che porta maggiori guadagni anche perché vive nelle zone turistiche. In particolare aveva criticato il Salento, perché zona di turismo povero e dove servirebbero invece alberghi di lusso e servizi esclusivi.

Il dibattito sicuramente non finirà qui, in attesa che arrivino risposte dalle istituzioni.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Turismo, Flavio Briatore parla ed è subito polemica: Italia non all&#...