Pubblica amministrazione: a Roma solo 180 giardinieri per gestire il verde pubblico

La gestione del verde nella capitale fa acqua: i giardinieri specializzati sono in numero ridotto rispetto agli ettari che necessitano di cure

C’era una volta una Capitale d’Italia che oltre ad essere il fiore all’occhiello della cultura occidentale, vantava una gestione del verde da fare invidia.

Quei tempi sono ormai lontani e riguardano diversi decenni fa, quando il Servizio Giardini godeva dell’affiancamento della Scuola dei Giardinieri. Quest’ultima organizzava corsi specifici volti alla formazione di personale competente e che alla fine del percorso, veniva assunto direttamente dal Campidoglio. Una situazione questa, perdurata fino alla metà degli anni Settanta. Tuttavia, l’arrivo di nuove leggi che andavano a regolare la Pubblica Amministrazione, non hanno più consentito l’assunzione diretta.

Ad oggi Roma versa in una condizione di difficoltà e di abbandono per quanto concerne la gestione del verde. A farne i conti sono gli stessi cittadini che hanno fatto i conti proprio negli ultimi giorni con il maltempo che non ha risparmiato la capitale. Ma non è la prima volta, si tratta di una condizione che si è verificata già in passato e che ad oggi non ha visto ancora una buona soluzione. Rami spezzati o alberi caduti, hanno portato i vigili del fuoco ad intervenire in maniera massiccia in diverse zone della città, tanto che si parla di oltre 500 interventi.

Senza contare che le cattive condizioni in cui versa il verde pubblico, sono spesso anche alla base di incidenti ai danni dei passanti.

Indubbiamente la gestione del verde pubblico soffre soprattutto di una drastica riduzione dell’organico e in questo senso i numeri parlano chiaro. Sono solo 180 i giardinieri specializzati che devono prendersi cura di 41.000 ettari di verde, ovvero di circa 330.000 alberi. E anche se quest’anno sono previste 80 assunzioni, è evidente che il numero non è comunque sufficiente per poter curare in maniera dignitosa tutti i parchi e i giardini che si trovano nella capitale.

Alla mancanza di personale si aggiunge anche un’altra nota negativa: spesso chi svolge questo lavoro non ha le competenze e la preparazione adeguata. È il caso delle numerose ditte appaltatrici chiamate a sostituire o a dare mano forte al Servizio Giardini, che però a volte fa utilizzo di personale poco esperto, soprattutto quando si devono affrontare interventi sul verde storico. E alcune di queste ditte sono finite al centro di diverse cronache giudiziarie.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pubblica amministrazione: a Roma solo 180 giardinieri per gestire il v...