I paperoni di Youtube: la classifica di Forbes

La piattaforma di video vanta personaggi dai guadagni milionari, che grazie ai loro video stanno costruendo i propri business

Non solo tra ereditieri e nobili di sangue, ormai i paperoni si nascondono anche tra i nomi più conosciuti di YouTube.

La piattaforma, nata a febbraio del 2005 ed inaugurata il 23 aprile, vanta infatti personaggi dai guadagni milionari e quelli che sembrano “semplici video di intrattenimento” si trasformano in molti casi in veri strumenti di business. I guadagni sono talmente elevati da aver portato Forbes a creare a dicembre la classifica degli Youtuber più ricchi al mondo, con cifre da capogiro. Il più giovane è anche il primo in classifica: lo Youtuber più ricco al mondo ha 8 anni, si chiama Ryan e con il suo canale Ryan ToysReview guadagna 22 milioni di dollari all’anno.

Non possono mancare nella classifica i fratelli Paul: Logan, il più grande, classe 1995 ha guadagnato secondo Forbes 14,5 milioni di dollari nel 2018. Diventato famoso grazie a Vine, il social network dei video brevi ormai chiuso, ha continuato ad avere successo anche su Youtube con i suoi video ironici. Tuttavia, il fratello minore di Logan, Jake, vince ancora tra i due e versa in banca ogni anno circa 21 milioni e mezzo di dollari, grazie alla partecipazione alla serie tv Disney Bizaardvark e al suo merchandising di magliette, felpe e molto altro.

Se divertimento e serie tv sbancano sul web, i tutorial seguono subito dopo e permettono a Jeffree Star di posizionarsi quinta in classifica con 18 milioni di dollari all’anno, provenienti non solo dai video, ma anche dalla vendita di prodotti di bellezza tramite il web. Insieme ai tutorial, i videogiochi sono l’altra miniera d’oro della piattaforma di video: DanTDM si piazza per questo quarto in classifica con 18,5 milioni di dollari, seguito da Markiplier al sesto posto con 17,5 milioni di dollari. Il canadese Vanoss Gaming arriva “solamente” a quota 17, mentre Jacksepticeye dall’Irlanda si ferma a 16.

Terzo posto in classifica invece vede protagonisti i Dude Perfect, cinque ragazzi appassionati di sport, che grazie ai video divertenti ricavano 20 milioni di dollari all’anno. Non solo video, ma anche scandali: PewDiePie, 30 anni, svedese, vanta infatti il maggior numero di utenti registrati al canale, ma una lunga serie di polemiche alle spalle. Nel 2017 infatti è stato accusato di antisemitismo per alcune battute sul nazismo e sugli ebrei e recentemente è stato citato da Brenton Tarrant, attentatore di Christchurch in Nuova Zelanda, nel video trasmesso su Facebook: Tarrant avrebbe invitato gli utenti ad iscriversi al canale di PewDiePie, che ha risposto definendosi “disgustato dal fatto che il mio nome sia stato pronunciato da questa persona”. I milioni di dollari riusciranno a cancellare le polemiche?

I paperoni di Youtube: la classifica di Forbes