Panasonic Wear Space: il prototipo di paraocchi per chi lavora in uffici rumorosi

Il prodotto non è ancora in commercio, ma presto potrebbe diventare realtà. Aiuterà davvero a non distrarsi?

Gli uffici openspace sono molto belli da vedere: molto illuminati e perfetti per lavorare in squadra. Tuttavia, per chi ha bisogno di lavorare in silenzio e con concentrazione, si possono rivelare un’impedimento.

Ecco che allora viene in soccorso una nuova tecnologia, alquanto distopica, ideata da Future Life Factory: si chiama Wear Space e si tratta di una sorta di paraocchi da ufficio. È già presente un concept di Panasonic che consiste in uno schermo, composto da un tessuto leggero, il quale taglia il campo visivo orizzontale di circa il 60%. All’interno sono presenti, inoltre, delle cuffie bluetooth, in grado di eliminare ogni rumore indesiderato e di far ascoltare la musica desiderata.

La funzione di cancellazione delle distrazioni permette, quindi, di far precipitare il lavoratore ancora più a fondo della propria bolla d’isolamento, nel quale riuscirebbe meglio a produrre. Ma non ha soltanto questo scopo. Quando qualcuno indossa Wear Space può chiaramente far capire ai propri colleghi che non vuole essere disturbato. Kang Hwayoun ha dichiarato: “Quando qualcuno indossa Wear Space, si può chiaramente vedere che chi lo indossa vuole focalizzarsi su ciò che sta facendo. Riteniamo che questo sia abbastanza importante”

Il prodotto della Panasonic, creato in collaborazione con lo stilista Kunihiko Morinaga non è attualmente in commercio, tuttavia i creatori stanno già raccogliendo i fondi necessari sul sito giapponese di crowdfunding Greenfunding. Secondo quanto dichiarato ufficialmente, Panasonic spera di raccogliere almeno 130 mila dollari per Wear Space attraverso il crowdfunding ed ogni paraocchi dovrebbe costare all’incirca 250 dollari.

L’efficacia di questo dispositivo è chiara e non è messa in discussione. Tuttavia esistono molti altri metodi più naturali e meno artificiali per aumentare la concentrazione e la produttività, seppur ci si trovi in ambienti piuttosto rumorosi. Innanzitutto bisogna accettare il dato di fatto che il nostro cervello ha bisogno, ogni tanto, di distrarsi. La tecnica del “pomodoro” è una strategia di focalizzazione molto semplice, inventata negli anni ’80 da Francesco Cirillo, sviluppatore di software. Si tratta semplicemente di concentrarsi su un compito per 25 minuti, al termine dei quali fare 5 minuti di pausa. La regola fondamentale è che non si può interrompere la propria attività prima che il timer impostato suoni.

Si possono attuare tantissime altre tecniche che si basano fondamentalmente sul cosiddetto decluttering: in pratica, si tratta di eliminare tutto ciò che è superfluo. Basta anche una semplice pulizia della propria scrivania, del proprio desktop del pc e dell’hard-disk per ritrovare un po’ di ordine e concentrazione mentale.

paraocchi per openspace, wear space panasonic

Fonte immagine: Facebook

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Panasonic Wear Space: il prototipo di paraocchi per chi lavora in uffi...