Fabio Fazio andrà su Rai 2: stipendio accettabile e trasloco di rete. Le proposte dalla Lega

Il programma del conduttore si sposterà da Rai 1 a Rai 2 e andrà in onda dalla prossima stagione in prima serata con “uno stipendio accettabile agli occhi italiani che lo pagano”

Inizia a diradarsi il polverone che fino a poco tempo fa aveva investito Fabio Fazio e il suo programma “Che tempo che fa”.

Dopo le polemiche intorno al suo stipendio “stellare” e alla cancellazione delle ultime tre puntate di “Che fuori che tempo fa”, spin off di “Che tempo che fa”, arriva la notizia della messa in onda su Rai 2 della trasmissione di Fazio. E questo accadrà dalla prossima stagione.

A conti fatti quindi, il programma condotto si sposterà da Rai 1 a Rai 2 e andrà in onda in prime time, la domenica. La decisione è avvenuta a seguito di un incontro a tavolino tra lo stesso Fazio e il direttore di Rai 2 Carlo Freccero. Notizia che arriva a seguito degli ottimi risultati in termini di audience raggiunti con l’ultima puntata di questa stagione di “Che tempo che fa” e che ha registrato uno share del 16,32% vincendo gli ascolti della prima serata.

La decisione di qualche settimana fa presa dalla direttrice di Rai 1 Teresa De Santis di cancellare le ultime puntate del programma in onda su Rai 1 il lunedì in prima serata, aveva portato a credere (interpretazione che è stata poi confermata) che il programma di Fazio stesse subendo un lento declassamento anche per effetto della decisione della Lega di entrare sempre più nei palinsesti della tv pubblica.

Un’idea che però è stata contestata dallo stesso Salvini con una dichiarazione in merito: “Io lo vorrei in onda sempre, perché più fa campagna per la sinistra e più le persone votano Lega”.

A tal proposito, poco tempo fa Fabio Fazio era stato definito come “un’opportunità” dal consigliere di amministrazione Rai in quota Lega Igor De Blasio e aveva legato la presenza del conduttore in Rai a due condizioni:

  1. “uno stipendio accettabile agli occhi italiani che lo pagano”;
  2. “che vada su un’altra rete”.

La seconda condizione a quanto pare è stata raggiunta, ma appare più difficile la prima. Il contratto firmato da Fazio infatti e che scadrà nel 2021, è piuttosto blindato senza contare che la risoluzione presentata dalla Lega e che prevede di porre un limite ai compensi di conduttori e artisti, non può avere effetto immediato.

E sulla questione dei compensi, Fazio è intervenuto più volte sostenendo che accetterebbe una riduzione del compenso se la Rai decidesse di applicare questa misura a tutti coloro che superano un certo livello. Il tutto a patto che non si stia parlando di un taglio fatto ad una persona specifica.

Fabio Fazio andrà su Rai 2: stipendio accettabile e trasloco di rete....