La radio m2o licenzia più di 40 persone: lo sfogo di DJ Brown

DJ Brown lascia m2o e si sfoga su Facebook contro i recenti licenziamenti effettuati dall'emittente dopo l'arrivo di Albertino

Lo scorso 1 marzo Albertino, storica voce di Radio Deejay ha annunciato il suo passaggio alla direzione di m2o, con un post su Instagram dove si legge: “lasciare Radio Deejay dopo 35 anni non sarà per niente facile, via Massena è il posto dove sono cresciuto e dove ho realizzato i miei sogni”. 

Il suo arrivo come direttore artistico dell’emittente, dopo la direzione di Fabrizio Tamburini, ha portato a una riorganizzazione interna e alla cancellazione di alcuni dei programmi più amati, per dare spazio alla musica. 

Il progetto artistico di Albertino prevede, infatti, un rafforzamento della linea che ha da sempre caratterizzato m2o, contraddistinta dalla presenza di diverse sonorità, con un ampio spazio dedicato alle canzoni e nuove voci che si andranno ad aggiungere a quelle già presenti. 

L’ex conduttore di Deejay Time, voce storica di Radio Deejay, nonché fratello di Linus,  vuole anche rafforzare la presenza di m2o sui social, a questo scopo probabilmente organizzerà una serie di eventi live in tutta Italia.

Non tutti i cambiamenti proposti sono stati accolti positivamente, in particolare la “riorganizzazione strisciante” annunciata ai lavoratori da Elmenda – Gruppo Editoriale GEDI ha portato a diverse critiche. 

L’azienda sarebbe intenzionata a trasferire l’attività e il personale da Roma a Milano, procedendo anche a diversi licenziamenti individuali.  

I lavoratori hanno già chiesto, tramite una nota pubblicata il 5 marzo, un incontro urgente con la direzione per evitare lo spostamento di sede e salvaguardare i posti di lavoro. 

A questo si aggiunge il duro sfogo di DJ Dino Brown che annuncia sulla sua pagina Facebook la sua uscita dall’emittente a partire dal 16 marzo, aggiungendo: “il mio pensiero va alle oltre 40 persone che hanno perso il lavoro, uomini e donne che hanno una famiglia e che in questi anni si sono sbattuti con cuore e anima per far crescere sempre di più il progetto m2o”. 

Il Deejay parla dei problemi della radio, che secondo lui “godeva comunque di di buona salute”, nonostante la “scarsissima copertura a livello nazionale”, oltre ad un “investimento pubblicitario e di marketing pari a 0”. 

In particolare, il DJ ha difeso i lavoratori dalle voci che attribuivano questo cambiamento ad un loro scarso impegno, parlando di come queste dichiarazioni tra le righe rappresentino “una mancanza di rispetto a chi, come me, ha sempre lavorato tanto mettendoci tutta la passione di questo mondo”. 

Un inizio non facile, quindi quello di Albertino a m2o, che dovrà confrontarsi anche con queste critiche e portare risultati concreti al più presto.

La radio m2o licenzia più di 40 persone: lo sfogo di DJ Brown