Cosa sono gli eSports e quale business si nasconde dietro lo schermo

ESports: ecco in cosa consiste il redditizio mondo degli electronic sports

Chi lo ha detto che i videogiochi sono solo un hobby? Giocare a un videogame non è solo divertente, ma se fatto a livello professionistico può diventare un vero e proprio lavoro.

Gli electronic sports sono stati inaugurati negli anni Ottanta, quando negli USA venne organizzato quello che potrebbe essere considerato il primo torneo ufficiale di eSports e che raccolse circa 10.000 spettatori. Poco alla volta, l’interesse e la crescente fama dei videogiochi crebbe al punto tale, che anche le emittenti televisive e le testate giornalistiche iniziarono a parlare di eSports e dei tornei connessi.

Sono sport elettronici nati con i videogiochi e che si possono giocare a livello competitivo e organizzato partecipando a specifici tornei e campionati con in palio somme di denaro. Nello specifico, concorrenti di diversi campionati si affrontano con i giocatori da casa in giochi popolari come Call of Duty, Fortnight, League of Legends. I giocatori vengono seguiti da milioni di fan sparsi per tutto il mondo attraverso piattaforme di streaming che consentono agli spettatori di vedere il proprio giocatore preferito in tempo reale.

Quanti sono gli spettatori che seguono gli eSports? A fornire una risposta è la società di analisi del mercato, Newzoo, secondo la quale, nel 2018 saranno circa 380 milioni le persone che guarderanno gli electronic sports, inclusi 165 milioni di appassionati di eSports, ovvero gli spettatori frequenti.

Si tratta di numeri molto alti riscontrati anche l’anno scorso: nel 2017 infatti, il campionato mondiale di League of Legends, è stato seguito da oltre 80 milioni di telespettatori.

Quello degli eSports è un mercato particolarmente redditizio e che registra guadagni importanti destinati non solo ai diretti giocatori, ma anche ai videogiochi. I tornei mettono in palio montepremi a tanti zero che poi vengono suddivisi tra i giocatori delle squadre vincenti. Lo stesso vale per chi organizza questi eventi che beneficiano dei ricavi provenienti dalla vendita dei biglietti per le gare. Il torneo del 2017 di League of Legends ad esempio, ha prodotto un incasso di 5,5 milioni di dollari dalla vendita dei biglietti.

Secondo Newzoo, nel 2018 i ricavi ottenuti dagli eSports arriveranno a 906 milioni di dollari in tutto il mondo, senza contare che probabilemente nel 2019 verrà superato il miliardo di dollari.

Cosa sono gli eSports e quale business si nasconde dietro lo sche...