Cannabis medica, quali usi della marijuana sono consentiti dalla legge

La cannabis per uso medico è legale, ecco quali sono i campi sanitari in cui viene impiegata

Nausea, vomito, appetito, ma anche contro il dolore cronico: sono questi alcuni degli usi della cannabis in medicina.

La Cannabis medica è legale, quella che serve per un uso terapeutico deriva da una pianta femmina di canapa indiana, di questa vengono utilizzate le infiorescenze. I principi attivi più utili per quanto riguarda l’uso farmacologico sono il THC e CBD, il primo è il più utile sui sintomi delle malattie.

In Italia si può utilizzare la cannabis terapeutica dal 2007 in maniera legale. Da gennaio 2017  viene prodotta anche in Italia nello stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze e si chiama Cannabis FM – 2.

La cannabis per uso terapeutico ha diversi scopi e applicazioni.

Uno di questi è quello lenire il dolore, che causa movimenti spastici, di Sclerosi multipla e lesioni al midollo. Può essere utilizzata anche nei dolori cronici, come quello derivato da malattie reumatiche, ma anche contro nausea e vomito conseguenti a trattamenti di chemioterapia, radio o cure per persone con l’Aids. Ma non solo, perché la cannabis può essere utilizzata anche per combattere la mancanza di fame. In particolare per questo scopo viene data a pazienti in cura  per malattie oncologiche, Aids, ma anche anoressia nervosa.

Altri utilizzi della cannabis medica, in caso di troppa pressione oculare nel glaucoma e sempre per movimenti involontari, ma nella sindrome di Gilles de la Tourette.

L’assunzione avviene tramite tisana (facendo bollire direttamente le infiorescenze)  o grazie a un vaporizzatore elettrico, infatti è solamente a temperature elevate che vengono attivati i cannabinoidi. A prescriverla deve essere un medico  e lo scopo è quello di alleviare alcuni sintomi di malattie importanti e gravi. Ma solo in un caso, ovvero che i classici trattamenti non bastino o non siano tollerati. Il costo è definito dal ministero della Salute. La Cannabis FM – 2 prodotta in Italia per fini medici è un progetto di questo ministero, in collaborazione con quello della Difesa.

Le prescrizioni da parte dei medici sono in aumento e sembra che il fabbisogno del nostro Paese nel corso del 2018 sa di 500 chilogrammi. Il quantitativo di cannabis che può essere prodotta quest’anno In Italia è stato stabilito dal Ministero della Salute e ammonta a circa  250 chilogrammi.

Cannabis medica, quali usi della marijuana sono consentiti dalla ...