Audi ritira lo spot con la bimba che mangia la banana: “Sessista”

La pubblicità ambigua ha scatenato le reazioni sui social costringendo l'azienda a ritirarla e a scusarsi

La pubblicità di un’Audi RS4 con una bambina bionda appoggiata al cofano della macchina mentre mangia una banana, indosso un vestino a fiori, giacchetta di jeans e occhiali da sole. Il senso? Da ricercare, ma in molti si sono indignati e il colosso automobilistico tedesco ha ritirato subito lo spot con tanto di scuse.

Audi, la pubblicità con la bambina indigna i social: le allusioni sessuali

La pubblicità postata sull’account twitter dell’azienda ha fatto il giro del web innescando tante reazioni sui social. In molti l’hanno percepita come “provocatoria” e “sessista”. In quanto la banana e l’auto sportiva alluderebbero a una simbologia sessuale e maschilista, utilizzando l’immagine di una bambina.

D’altronde lo slogan controverso di Audi sopra l’immagine recita in inglese: “Lascia che il tuo cuore batta più forte – sotto ogni aspetto”

Alcuni hanno anche immaginato la pericolosità della posa, dato che la bimba poggiata sulla punta dell’auto sportiva, piccola com’è, non potrebbe essere vista dall’eventuale guidatore e sarebbe inevitabilmente investita.

Audi, la pubblicità con la bambina indigna i social: le scuse dell’azienda

Nelle intenzioni iniziali dell’annuncio l’Audi RS4 doveva essere commercializzata come un’auto per famiglie.

“È stato un errore!” ha twittato la casa automobilistica assicurando: “Vi ascoltiamo e chiariamo: ci prendiamo cura dei bambini.”

“Ci scusiamo sinceramente per questa immagine insensibile e ci assicuriamo che non verrà utilizzata in futuro.” ha scritto l’Audi sul suo account, aggiungendo di aver avviato un’indagine interna per capire come l’annuncio sia stato pubblicato.

Poi tra i tanti utenti che non hanno apprezzato per nulla e si sono sentiti offesi c’è chi ha commentato: “Devo dire che il problema sta nelle menti delle persone che vedono questo annuncio come sessuale”.

Non è la prima volta che le aziende automobilistiche tedesche cascano in questo tipo di gaffe. La più recente a maggio era finita nella bufera un’altra casa automobilistica tedesca, la Volkswagen, che aveva lanciato uno spot tacciato di razzismo in cui si vedeva una mano bianca sollevare un uomo nero come un fantoccio. Anche in quel caso la pubblicità era stata ritirata dopo le polemiche.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Audi ritira lo spot con la bimba che mangia la banana: “Sessista”