Audemars Piguet – Royal Oak Calendario Perpetuo

Geniale fuori e dentro, il tempo ha trovato le sue geometrie in un orologio allo stesso tempo sportivo ed elegante

Può un orologio essere al contempo classico e sportivo, moderno ed elegante?
Sì, se l’orologio in questione è il Cronografo Royal Oak della Maison Audemars Piguet che nell’appena concluso 2017 ha celebrato il suo 20° anniversario. Un successo nato in primis dal suo design, anche se bisogna precisare che i suoi movimenti e complicazioni sono ugualmente esaltanti: iconica lunetta ottagonale, cassa in acciaio con bracciale integrato in ceramica nera e quadrante “Tapisserie”. Tutti elementi che hanno contribuito a renderlo un simbolo della contemporaneità.

Il nuovo Royal Oak Calendario Perpetuo è un affascinante sogno nero, un incontro fra le infinite idee del design e la certosina perizia tecnica della meccanica.

Realizzato in ceramica nera rifinita a mano, e scusate se è poco, il quadrante decorato con il classico motivo della “Grande Tapisserie” indica oltre alle fasi lunari – il cui lunotto è di per sé una luminosa gouache – giorno, data, mese e settimana dell’anno, ma soprattutto presenta il vero e proprio segno distintivo della maison, l’indicazione dell’anno bisestile che è stata proposta in anteprima nel lontano 1955 proprio da Audemars Piguet.

La carica automatica dell’orologio ha un’autonomia di 40 ore ed è azionata dal nuovo calibro 5134 che risulta più grande rispetto al modello precedente, in modo da adattarsi meglio alle dimensioni della cassa in ceramica nera da 41 mm. Le finiture del movimento sono visibili grazie all’utilizzo di un fondello in vetro zaffiro antiriflesso. Le elaboratissime complicazioni del calendario perpetuo sono studiate per segnare l’ora, senza ombra di errore fino al 2100.

Geniale fuori e dentro, il tempo ha trovato le sue geometrie in un orologio allo stesso tempo sportivo ed elegante

Audemars Piguet – Royal Oak Calendario Perpetuo